Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città di Castello, in anteprima il restauro del gonfalone della Trinità di Raffaello

  • a
  • a
  • a

Quella di domani sarà una giornata dedicata a Raffello in vista dell’apertiura della mostra che avverrà il 30 di ottobre. Si terrà domani l’anteprima della mostra Raffaello giovane ed il suo sguardo, ospitata dalla Pinacoteca comunale nell’ambito del Cinquecentenario di Raffaello e sostenuta dal Comitato nazionale delle Celebrazioni, dal Comune di Città di Castello e dalla Regione Umbria. L’iniziativa si svolgerà al teatro degli Illuminati a partire dalle 17, “per mantenere la data simbolicamente scelta per l’inaugurazione” spiegano l’amministrazione comunale e le curatrici, Laura Teza, docente di Storia dell’arte moderna all’Università di Perugia, e Marica Mercalli, direttore generale direzione Sicurezza Patrimonio Culturale. Presenteranno la mostra e il restauro del gonfalone della Santissima Trinità, unica opera di Raffaello rimasta in città, oggetto di un intervento da parte dell’istituto centrale del restauro destinato a fare storia. Interverrà Elvira Cajano, soprintendente Archeologia belle Arti e paesaggio dell’Umbria.

 

 

Al termine è prevista la proiezione del video Il nostro Raffaello a cura della corale Marietta Alboni. “Presentiamo in anteprima il documentario Il nostro Raffaello” - spiega Leonardo Becciu, presidente della Corale Marietta Alboni -, realizzato per permettere a chiunque di fare un’escursione, presi per mano da Raffaello stesso, e camminare sulle strade, le piazze, entrare nelle chiese, talvolta sconosciute oggi anche a tanti tifernati, per le quali il maestro ha realizzato opere intramontabili. Toccheremo vette sublimi consapevoli di quanto l’aver vissuto nella nostra città abbia inciso in profondità nella formazione dell’adolescente Raffaello. Non solo i grandi artisti che lo hanno preceduto entrano in scena, ma, secondo noi con una rilevanza forse ancor maggiore, la luce, i profumi, i colori e tanto altro.

 

 

Tutto quello, detto per inciso, che appartiene quotidianamente anche a noi che abbiamo la ventura di vivere negli stessi luoghi. L’obiettivo è dunque quello di tornare consapevoli e maggiormente felici alla nostra ferialità, migliorati e salvati dalla Bellezza”. Sarà davvero tornare a vivere Raffaello nel 1500 a Città di Castello. Al termine sarà presentato il manifesto della mostra. Evento e video saranno trasmessi in diretta Facebook. Da domenica e fino a quando le operazioni di allestimento della mostra lo renderanno possibile, saranno organizzate visite alla Pinacoteca da parte di Poliedro Cultura. La manifestazione si svolgerà nel rispetto delle norme Covid.