Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Assisi: non si ferma all'alt e danneggia l'auto della polizia, fermato dopo inseguimento

  • a
  • a
  • a

Non si ferma all’alt durante un controllo e, non pago di farsi inseguire per chilometri, tenta anche di speronare l’auto della polizia, danneggiata, per poi scappare verso la zona di montagna di Assisi. Protagonista della vicenda un 27enne cittadino italiano, residente ad Assisi, arrestato dagli uomini del commissariato guidato dal vicequestore aggiunto Francesca Domenica Di Luca dopo un rocambolesco inseguimento. Le accuse sono di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento di beni pubblici (l’auto della polizia), guida in stato di alterazione. Per lui è scattata anche la segnalazione quale assuntore, visto che è stato trovato in possesso di mezzo grammo di cocaina, oltre al ritiro della patente.

 

Secondo le prime informazioni, il ventisettenne, giovedì sera, si è visto mostrare la paletta durante un posto di controllo a Santa Maria degli Angeli. Il conducente però ha proseguito senza fermarsi e per questo è stato inseguito dai poliziotti, prima per le vie della frazione angelana, poi fino al centro storico di Assisi, e ancora fuori le mura di Assisi, verso la zona di montagna. Al ponte del Brecciaro, zona Ponte Grande. Lì finalmente gli agenti sono riusciti a bloccare l’auto e anche il giovane che, all’esito della perquisizione, è stato trovato in possesso di mezzo grammo di cocaina. L'accusa è resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento di beni pubblici, guida in stato di alterazione.

 

Oltre alla segnalazione quale assuntore, nel corso dell'udienza di convalida, per il giovane è stato disposto l'obbligo di firma. Si è visto anche ritirare la patente. Pochi giorni fa un precedente simile, quando un 36enne di nazionalità albanese, ubriaco alla guida e con una patente non valida in Italia, è stato denunciato e si è visto ritirare la patente albanese dopo che, in piena notte a Bastia Umbra, era finito contro altre due autovetture. A far muovere gli agenti, la segnalazione del proprietario di un’autovettura che era stata danneggiata da un altro veicolo in marcia, appunto quello del 36enne.