Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, bando Sport e Periferie: esclusi i progetti per camposcuola e impianto per il basket

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

Due progetti rispondenti a quanto previsto dal bando, e in quanto tali finanziabili, ma che non riceveranno però gli agognati 700 mila euro cadauno perché l’80% del totale dello stanziamento previsto dal bando stesso deve necessariamente andare al sud d’Italia.

Suona come una vera e propria beffa, peraltro del tutto imprevista e imprevedibile, la pubblicazione delle graduatorie dei progetti che riceveranno i finanziamenti del bando Sport & Periferie, tre dei quali erano relativi a impianti sportivi di Terni città. Nella fattispecie si trattava della completa ristrutturazione del camposcuola Casagrande, progetto presentato dall’Athletic Terni; della realizzazione di una tensostruttura, con annessi spogliatoi e infrastrutture, per la pallacanestro, al quartiere San Giovanni, presentato dalla Union Basket; del rifacimento del campo Bernardini di Collescipoli, progettato invece dal Comune.

 

Di questi tre, solo l’ultimo – quello di Palazzo Spada – è stato escluso perché non rispondente ai requisiti del bando. Camposcuola e “casa” del basket, invece, avevano tutte le carte in regola, avendo totalizzato, rispettivamente, un punteggio pari a 44,50 e 40,23, quindi pienamente entro i parametri richiesti. Il camposcuola ha anche “rischiato” di entrare, visto che l’ultimo progetto del centronord ammesso, quello del Comune di Pavia, ha raggiunto quota 45,23 punti, quinti davvero solo una manciata di decimali in più.

A sparigliare le carte, quindi, è stata questa clausola che vuole l’80% dei fondi disponibili destinati al sud.

 

“Con tutto il rispetto per i problemi del sud d’Italia – commenta l’assessore comunale allo sport, Elena Proietti – non mi sembra una ripartizione dei fondi molto equa, oltretutto non era mai stata indicata. Sono particolarmente amareggiata, proprio perché è stata una sgradita sorpresa per tutti”.

E’ caduto dalle nuvole anche Leonardo Bordoni, presidente dell’Athletic Terni, che ha presentato il progetto per il camposcuola. “Ho qualche dubbio su come siano stati attribuiti i punteggi – attacca – perché dai nostri calcoli avremmo dovuto ottenere ben più di questo 44,50. L’80% al sud, invece, è una cosa uscita adesso, all’atto della pubblicazione delle graduatorie, non l’avevamo trovato scritto da nessuna parte. Siamo comunque gli ottavi tra i ‘non finanziabili’ in tutta Italia, quindi non disperiamo. Nei bandi degli anni passati si sono registrate diverse defezioni, in questo caso siamo in ottima posizione. Si parla anche della possibilità che possa essere allargata la rosa dei finanziabili: staremo a vedere”.

In provincia di Terni, però, c’è anche chi ride. Otterrà quasi 500 mila euro il Comune di Otricoli, per il completamento del palazzetto dello sport, in particolare le gradinate e gli spogliatoi.