Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, Tulipano: a ottobre le vendite dei primi appartamenti del grattacielo da 22 piani

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

Ormai c’è da aspettare solo qualche settimana, poi ci saranno le prime persone che potranno vantarsi di indicare qualcuna delle finestre lungo i ventidue piani e dire: “Quella sarà casa mia”.

L’imprenditore Giunio Marcangeli sta per completare lo smontaggio delle ultime impalcature e il Tulipano, per decenni l’edificio simbolo delle incompiute a Terni, con grande risalto anche per la sua collocazione (è il primo che si vede entrando in città dall’uscita Terni ovest della superstrada), finirà finalmente di essere l’eterno cantiere degli ultimi 40 anni.

La conclusione di questa operazione possiamo dire che rappresenterà l’anticamera dell’ingresso dei primi residenti e dell’avvio delle attività nei ventidue piani dell’edificio più alto della città.

 

“Ad ottobre 2021 contiamo di firmare i primi compromessi per l’acquisto degli appartamenti – spiega Giunio Marcangeli, il costruttore che ha scelto di investire per consegnare finalmente alla città il Tulipano – siamo stati subissati di richieste, in questi mesi, ma abbiamo scelto di aspettare che l’ultima impalcatura sia stata rimossa per mettere nero su bianco. Dopo di ché mancheranno veramente le ultime rifiniture e verifiche. Diciamo che entro la prossima estate i primi acquirenti potranno prendere possesso dei loro appartamenti”.

Marcangeli è diventato proprietario dell’edificio nel settembre del 2019, quando presentò all’ennesima asta un’offerta di poco superiore al milione e 700 mila euro. Considerati i tempi tecnici di consegna delle “chiavi”, una volta espletate tutte le pratiche tecnico-burocratiche, l’arrivo pochi mesi dopo del Covid, con tutti gli annessi e connessi anche per la consegna dei materiali, c’è veramente da dire che l’imprenditore ternano e i suoi uomini hanno veramente bruciato le tappe.

 

Va detto, come ha confermato lo stesso Marcangeli a più riprese, che la struttura portante dell’edificio, sebbene datata, era in ottime condizioni di conservazione, ma in ogni caso erano anni che in quel cantiere nessuno ci metteva più le mani. Nel Tulipano non troveranno spazio solo appartamenti per le famiglie, ma nel piano interrato si stanno realizzando parcheggi (privati ma anche pubblici, per servire le attività che vi sorgeranno); al piano terra ci saranno sei-sette attività commerciali; nel primo piano uffici, con l’Arpa che estenderà la sua attigua sede ed ha già messo nero su bianco; dal secondo al settimo piano sorgerà un albergo residenziale; dall’ottavo fino al ventiduesimo piano gli appartamenti in vendita. Sono abitazioni di varie metrature, da poco più di 50 fino ai 250 metri quadrati dei due superattici al ventiduesimo piano. I tagli intermedi sono sui 100-120 metri quadrati. Prezzi? Non è necessario nessun investimento da… sceicco. “Prezzi di mercato”, dice Marcangeli. Dovremmo aggirarci sui 2.000 euro a metro quadrato.