Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, pusher incastrato dalle telecamere di sorveglianza del Comune: arrestato

Esplora:

Fra. Mar.
  • a
  • a
  • a

E’ stato incastrato dalle telecamera di sicurezza del Comune che lo hanno immortalato mentre vendeva eroina nella zona di piazzale Vittorio Veneto, piazza del Bacio a Fontivegge. A mettergli le manette ai polsi nei giorni scorsi sono stati gli agenti della squadra mobile della questura di Perugia che lo hanno fermato in flagranza di reato poco dopo aver ceduto una dose a una donna. Addosso ne aveva altre quattro. Si tratta di un tunisino di 25 anni - difeso dall’avvocato Vincenzo Bochicchio - immortalato innumerevoli volte pur se in un lasso piuttosto limitato di tempo. Dal 19 agosto al 2 settembre infatti sono state documentate 14 cessioni di dosi di eroina a 20 euro l’una a tossicodipendenti di Perugia. 

 


“Il monitoraggio di piazza Vittorio Veneto - sta scritto nell’ordinanza di custodia cautelare con cui il gip ha convalidato l’arresto e lo ha lasciato in carcere - ha permesso di verificare come l’uomo abbia creato quella piazza di spaccio della quale si è occupato in prima persona fino all’arresto”. Per il giudice, a carico dell’uomo c’è un “quadro indiziario solido”. Del resto, lo stesso arrestato, proprio in sede di interrogatorio, ha ammesso tutto. “Ha ammesso - scrive sempre il gip nell’ordinanza - di essere dedito all’attività di spaccio di stupefacenti in quanto senza attività lavorativa e senza casa e perché non ha altra scelta”. Proprio per questo motivo per il giudice, senza la misura in carcere, l’uomo tornerebbe senza dubbio a spacciare eroina. 

 

Sempre nella zona di Fontivegge, in seguito al maxi controllo effettuato dalla polizia di Stato insieme alle altre forze dell'ordine martedì e mercoledì è stato arrestato un nigeriano che era evaso dagli arresti domiciliari, mentre è stato fermato un romeno che era già stato destinatario di un provvedimento di espulsione. E' stato accompagnato al centro di rimpatrio di Bari.