Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, spostato a domenica per il maltempo il Tributo a Sergio Endrigo a Piediluco con Raphael Gualazzi

  • a
  • a
  • a

E’ stato spostato di 24 ore, ovvero andrà in scena domenica 5 settembre 2021, l’atteso concerto di Raphael Gualazzi a Piediluco, in provincia di Terni, nona edizione del Tributo a Sergio Endrigo.

Lo hanno reso noto gli organizzatori dell'associazione Terni Città Futura, a causa delle previsioni del tempo che indicano avverse condizioni meteo per sabato sera. L’appuntamento resta sempre alle 21 al centro remiero Paolo D’Aloja. Gualazzi interpreterà cinque canzoni del grande artista di Pola, sepolto al cimitero comunale di Terni.

 

“E' una bellissima opportunità essere stato scelto per interpretare alcuni brani di Sergio Endrigo – spiega Raphael al Corriere – è stato un grande cantautore che ha segnato la storia della musica leggera. Le sue canzoni, anzi le sue poesie, sono conosciute in tutto il mondo. Per me è un grande onore poter omaggiare un artista come Endrigo che ha avuto collaborazioni in tutto il mondo. E' la prima volta che canto Endrigo e per farlo nel miglior modo possibile ho ripercorso tutta la sua storia musicale. Questo percorso che ho fatto è stato un arricchimento culturale personale perché ho avuto modo di conoscere tutta la sua vita musicale, dall'inizio alla fine. E' davvero impressionante ripercorrere un cammino così lungo e fatto di successi che hanno segnato la storia delle musica leggera italiana. Per questo ho voluto scegliere brani che hanno avuto meno popolarità, ma ugualmente belli come ‘Le parole dell'addio’ e altri ancora. Preferirei comunque non svelare gli altri titoli e farli ascoltare al pubblico che sarà presente a Piediluco”.

 

Gualazzi nel 2011 è stato il vincitore della categoria Giovani del Festival di Sanremo con “Follia d'amore”. La sua musica riesce a trasmettere emozioni che raggiungono il cuore.

“Il pianoforte deve vivere in sintonia con chi lo suona - sottolinea il cantautore -. Queste parole me le ha dette una volta un mio maestro. Il pianoforte lo devi sentire dentro e deve diventare una parte di te. Da lì nascono gli arrangiamenti che sono fondamentali per un brano. Nelle canzoni di Endrigo gli arrangiamenti e le parole sono una cosa sola e questo ha dato vita ai suoi grandi successi”.

Domenica, oltre ad alcuni brani di Endrigo, il cantautore 39enne di Urbino proporrà anche alcuni suoi pezzi e sonorità afro americane che spazieranno dagli anni Venti ai Settanta. Sarà uno spettacolo nello spettacolo con vecchi ricordi che hanno dato vita alla musica leggera italiana, ma anche l'occasione per poter ascoltare un cantautore e pianista del calibro di Raphael Gualazzi.