Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, sciopero ad oltranza all'Ilserv per salvare i posti di lavoro. Pressing sulla Regione dell'Umbria

  • a
  • a
  • a

Sciopero ad oltranza, a partire dal secondo turno di lunedì 30 agosto, per i lavoratori Ilserv del reparto Metal Recovery a seguito del mancato accordo tra il sindacato e l'azienda per il passaggio del personale dell’appalto per il trattamento scorie da Ilserv a Tapojärvi Oy. Lo hanno deciso i lavoratori, riuniti nelle assemblee che si sono tenute in fabbrica, a Terni.

Sale la tensione, a rischio sono 27 posti di lavoro. I delegati della Rsu alzano la voce. “La situazione è drammatica, sostiene un delegato - aspettiamo una convocazione da parte delle società interessate, Ast, Ilserv e Tapojärvi”. La settimana scorsa i segretari di Fim Cisl, Fiom Cgil, Fismic e i delegati eletti delle Rsu di Ilserv e Tapojärvi Oy hanno incontrato il management delle società per trovare un accordo sul passaggio del personale alla società finlandese, che nelle settimane precedenti, su 34 lavoratori, 30 operai e quattro impiegati, ne ha assunti sette, ma gli incontri si sono conclusi con il mancato accordo. L'Ast, in un summit, presente il direttore del personale Alessandro Rusciano, il direttore di stabilimento Dimitri Menecali e i segretari territoriali delle sigle sindacali dei metalmeccanici, Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl, Usb, si era impegnata a costruire le opportunità necessarie a tutelare gli attuali livelli occupazionali. Ma non soltanto. Le tre aziende, in precedenza, si erano impegnate a tutelare gli attuali livelli occupazionali, come riportato nei verbali di riunione del 30 luglio del 2019 e dell’8 giugno 2021.

Senza uno sblocco della vertenza in corso, i problemi fineranno per ricadere inevitabilmente sulle produzioni complessive dell’area a caldo del sito siderurgico di Acciai speciali Terni. Per trovare un accordo, dopo i 45 giorni trascorsi, restano, a partire dal 25 agosto scorso, 30 giorni per la fase amministrativa, ma sarà compito della Regione dell'Umbria convocare le parti per un ultimo tentativo di mediazione.