Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Salvini a Città di Castello: "Vicenda Melasecche? Ho fiducia in Donatella Tesei"

  • a
  • a
  • a

Il leader della Lega, Matteo Salvini, è stato a Città di Castello per presentare il candidato sindaco del Carroccio per le elezioni comunali del 3 e 4 ottobre. Nell'occasione ha parlato anche della vicenda dell'espulsione dal partito dell'assessore regionale Enrico Melasecche. "Se uno fa l’assessore fa l’assessore, se fa il consigliere fa il consigliere. Questa è stata sempre una mia richiesta, non solo in Umbria, ma a livello nazionale. Un conto è avere un ruolo di governo, un conto è avere un ruolo di legislazione. Mi sembra una cosa di buon senso. Totale fiducia alla presidente Donatella Tesei, sarà lei a trovare la migliore soluzione possibile insieme al segretario regionale Caparvi. Io non impongo da Roma i nomi di chi deve stare nelle giunte regionali e comunali", ha affermato Salvini.

 

L'ex ministro dell'Interno ha poi parlato delle comunali: "Sono qui per invitare le altre forze del centrodestra a trovare un’unità. Il centrodestra governa la regione Umbria, sarebbe un peccato presentarsi divisi alle elezioni a Città di Castello. Ci ho messo dei mesi per trovare in molte città delle candidature comuni", ha aggiunto Salvini. "Ci siamo riusciti a Roma, Milano, Torino, Napoli, Bologna e Trieste. L’unità del centrodestra è importante per noi, purché si guardi avanti. Nel caso delle elezioni amministrative, dobbiamo fare scelte civiche, allargando alla società civile, agli imprenditori, ai cittadini. Con tutto il rispetto, scegliere politici che hanno già combattuto e perso in passato, non penso sia il modo migliore per guardare al futuro, a Città di Castello come altrove. In tante città come partito abbiamo fatto un passo indietro, nonostante siamo la prima forza politica. Mi piacerebbe che anche gli altri partiti del centrodestra facessero la stessa nostra apertura, guardando alla società civile", ha concluso.