Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città di Castello, centrodestra diviso alle elezioni: lunedì arriva Salvini

Felice Fedeli
  • a
  • a
  • a

Lunedì 23 agosto arriva Matteo Salvini a Città di Castello per presentare il candidato sindaco nella sede della Lega tifernate. In programma anche una visita alla struttura di Agricooper che ospita il centro di raccolta ed essiccazione di Luppolo Made in Italy.

Insieme al segretario federale della Lega, il vice segretario della Lega Umbria, onorevole Riccardo Augusto Marchetti, il segretario cittadino e consigliere comunale Giorgio Baglioni, la referente provinciale Manuela Puletti e il consigliere regionale Valerio Mancini. Il candidato sindaco scelto è l'avvocato Roberto Marinelli, un civico come annunciato proprio da Salvini a Trestina. Quasi in contemporanea l'annuncio del resto del centrodestra, che ha individuato in Andrea Lignani Marchesani il candidato sindaco di Fratelli d'Italia, Forza Italia, Udc, Cambiamo con Toti e Civica Castello. Insomma centrodestra diviso alla meta.

 

 

 

“Lunedì 23 agosto alle 15 Matteo Salvini sarà nella sede della Lega a Città di Castello in Corso Vittorio Emanuele, 27 per presentare il candidato sindaco alle elezioni amministrative di ottobre - annunciano Marchetti, Baglioni, Puletti e Mancini - dopo troppi anni in cui i tifernati hanno subito la cattiva politica della sinistra, avranno la loro occasione per tornare ad essere gli unici e veri protagonisti".

 

 

 

"A due anni dalla svolta umbra, anche Città di Castello è pronta a scrivere una storia nuova - proseguono - siamo convinti che, come accade ormai da molto tempo, non mancherà neppure in questa occasione appoggio e fiducia da parte dei nostri concittadini, consapevoli che la Lega sia l’unica alternativa possibile per costruire insieme la rinascita di Città di Castello. Dopo la conferenza stampa, è in programma una visita alla struttura di Agricooper che ospita il centro di raccolta ed essiccazione di Luppolo Made in Italy - concludono - all’incontro saranno presenti anche Stefano Fancelli, presidente di Luppolo Made in Italy, Gianfranco Domini, presidente del Gruppo Cooperativo Agricooper e il presidente di Deltafina, Domenico Cardinali”.