Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sente i ladri in casa, la proprietaria si mette a urlare e li mette in fuga

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

Ladri in azione due volte durante la notte tra mercoledì e giovedì a Gubbio. Ma con alterne fortune. Nel primo caso sono penetrati nel magazzino comunale di via Venata e hanno rubato un Fiat Doblò. Per entrare hanno sfondato l’ingresso sul retro della struttura e una volta all’interno sono fuggiti con il furgone del valore (era nuovo) di circa 20 mila euro. Un colpo fin troppo facile, messo a segno con il favore delle tenebre, in una zona periferica, senza incontrare difficoltà. Avvertiti dell’accaduto giovedì mattina i carabinieri sono intervenuti per il sopralluogo.

 

 

Nel secondo caso i malviventi hanno sfondato una porta rinforzata con lamiera e ferro di una abitazione. Il proprietario però ha sentito dei rumori e la moglie si è affacciata alla finestra urlando. E’ accaduto mercoledì verso mezzanotte in via Fosse Ardeatine, nell’immediata periferia cittadina, vicino allo stadio Beniamino Ubaldi. Nel mirino un’abitazione all’interno della quale stavano dormendo marito, moglie e figlia. Hanno saltato la recinzione senza trovare eccessive difficoltà e poi, probabilmente usando un piede di porco o un altro arnese atto allo scasso, hanno forato la porta di metallo. Ma hanno fatto rumore e sono stati messi in fuga, per cui hanno saltato il muretto e si sono dileguati nella campagna.

 

 

Dopo la segnalazione sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno effettuato i rilievi necessari per cercare di acquisire elementi utili per le indagini. Le telecamere potrebbero aver immortalato i due malviventi che secondo una prima descrizione dovrebbero essere molto giovani. I militari hanno già avviato le indagini indagando anche per capire se possa esserci un collegamento tra i due episodi verificatisi in zone non lontane tra loro. Sempre i carabinieri, su ordine del comandante della compagnia eugubina, Del Sette, intensificheranno nel fine settimana i servizi di prevenzione e controllo sul territorio mirati a contrastare la microcriminalità e contenere la mala movida.