Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, Spoleto: salta Spazio Civico per le elezioni

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Il polo moderato Spazio Civico di Spoleto a un passo dalla disgregazione. Avrebbe dovuto essere il conclave per arrivare alla condivisione di un candidato sindaco da portare poi al tavolo di Forza Italia, ma si è trasformata nell’ultima riunione del raggruppamento composto da Civici Per guidati da Giovanni Angelini Paroli, Spoleto Sì di Maurizio Hanke, Spoleto futura di Maria Elena Bececco, Difendiamo Spoleto di Michael Surace, più Italia Viva di Manuela Albertella. La spaccatura si è consumata sulla scelta del candidato sindaco: in pista c'erano il capo degli agronomi mondiali Andrea Sisti, il medico di famiglia Maurizio Hanke e la professoressa Laura Zampa, ma al voto che avrebbe deciso l'investitura non si è arrivati. Dai Civici Per filtra che in realtà ci si è fermati prima dell'indicazione dell'aspirante sindaco, perché non è stato condiviso un metodo per esprimere la preferenza, mentre Maurizio Hanke di Spoleto Sì in una nota afferma che “i Civici Per non si sono presentati alla riunione convocata sancendo di fatto la fine dell'alleanza che si era prospettata tra le quattro civiche”.

 

 

 

 

 

Analogamente Difendiamo Spoleto poco prima delle 20 ha comunicato di “ritenersi libera da impegni con Spazio civico e pronta a un'attenta analisi per individuare il progetto amministrativo più vicino alle nostre idee”. A causare lo strappo per Surace, Zampa e gli altri è stata la mancanza di “possibilità e volontà di un dibattito politico che fosse libero da sudditanze di partito e da ingerenze perugine o romane, come abbiamo sempre sostenuto dovesse essere la nostra coalizione”. Ora occorrerà capire se la disgregazione di Spazio Civico sarà davvero totale, ossia se ognuna di queste liste farà le proprie mosse, confluendo in altri schieramenti o presentandosi il 3-4 ottobre alle urne con un proprio candidato, oppure se almeno parte delle forze riusciranno a ricompattarsi. Spoleto Sì con una nota si dice “comunque pronta a dar seguito a un disegno politico equidistante da sinistra e destra e ha rinnovato al proprio candidato sindaco Hanke l'appoggio”.

 

 

 

 

 

La spaccatura del polo moderato è destinata a spiazzare Forza Italia che con queste forze civiche dialogava da settimane per confezionare la vendetta politica nei confronti di Lega e Fratelli d'Italia, che avevano sfiduciato l'ormai ex primo cittadino Umberto De Augustinis eletto dal centrodestra. Sarà, quindi, da verificare se gli abboccamenti registrati nelle ultime ore tra alcuni esponenti locali del partito fondato da Berlusconi e quelli di Lega e FdI matureranno a tal punto da far ricompattare il centrodestra. Dall'altro lato, invece, potrebbe prendere quota l'ipotesi di un accordo tra centrosinistra, M5s e Civici Per per la candidatura a sindaco di Andrea Sisti, anche se i dem stanno continuando a lavorare intorno alla corsa al municipio del segretario Stefano Lisci.