Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Foligno, il grande giorno della Quintana

  • a
  • a
  • a

Sabato sera 7 agosto a Foligno i dieci cavalieri affronteranno l’otto di gara per contendersi la vittoria nella Giostra della Sfida 2021. Una gara, quest’anno, che si svolge in una data inusuale a causa della situazione sanitaria che sta, ancora, vivendo il nostro Paese. Situazione, questa, che ha comportato per tutto il mondo della Quintana, così come nel 2020, uno sforzo, una dedizione e un’attenzione eccezionali.
Saranno ospiti della Quintana la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, il generale di brigata Daniele Tarantino comandante della caserma Gonzaga, il generale di brigata Antonio Bandiera comandante della legione carabinieri Umbria, il sindaco di Norcia Nicola Alemanno, Fausto Cardella garante dell’università di Perugia e già procuratore generale presso la Corte d’Appello di Perugia  oltre al conte Ranieri Campello ormai storico amico della Festa.

 

 

 

La cronaca della Giostra andrà in diretta sul canale 10 di UmbriaTV e in streaming sulla pagina Facebook Giostra della Quintana di Foligno a partire dalle ore 21.30 circa. Inoltre, dopo lo stop dello scorso anno, tornano al Campo de li Giochi le telecamere della Rai che sabato 14 agosto su Rai 3, proporrà una sintesi della Giostra a partire dalle ore 17, 40.

 

 

 

Il sindaco Stefano Zuccarini, ha preso carta e penna: “Lo scorso anno la scelta di far disputare la Giostra della Quintana fu una scelta difficile e coraggiosa, ma non certo azzardata, perché a darmi la sicurezza necessaria fu l’indiscussa ed indiscutibile capacità organizzativa della ‘macchina quintanara’ capace di andare avanti con assoluta determinazione e piena responsabilità. Nei momenti più difficili occorre gettare il cuore oltre l’ostacolo, così come nelle fasi più buie bisogna avere la lungimiranza di guardare all’orizzonte oltre le nubi: è quello che abbiamo fatto, e lo abbiamo fatto insieme con la Città e per la Città. La Grande Festa di Foligno, non si è mai interrotta, un caso quasi unico nel panorama internazionale che ci rende particolarmente orgogliosi, e che dimostra ancora una volta come siano ormai ben salde le nostre radici. Abbiamo veramente dato vita a qualcosa di unico, e forse come mai ‘l’amore e la concordia della Cittade tutta’ son stati davvero la vittoria più bella e più grande. Così come dopo la guerra, che ne segnò la nascita, e nella fase del terremoto, anche questa volta la Quintana è servita non solo per non far ‘spegnere’ Foligno ma per dargli nuova linfa vitale. Questo rapporto di amore non si è mai interrotto, grazie proprio allo Spirito Quintanaro, che resiste sempre e comunque, proprio perché la Quintana è prima di tutto sentimento incondizionato e superiore di amore per Foligno. Da parte e mia e dell'Amministrazione ci sarà sempre la massima collaborazione, per ottenere insieme altri nuovi successi. Buona Quintana a tutti!”.