Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio, sorpresi ubriachi alla guida: denunce e patenti ritirate

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

Due automobilisti denunciati per guida in stato di ebrezza, patenti di guida ritirate, controlli serali per quanto riguarda la movida.

 

 

È stato un week end di fine luglio - inizio agosto all’insegna di un grande lavoro per i carabinieri di Gubbio che, su disposizioni del comandante della compagnia (Capitano Del Sette) hanno intensificato i servizi di prevenzione e controllo su tutto il territorio. Per ciò che concerne la sicurezza stradale sono stati effettuati posti di controllo non solo lungo le strade più importanti, come la variante alla SS 219 Pian d’Assino, ma anche intorno al centro storico e nella zona della rotatoria della Contessa, così come nell’immediato hinterland cittadino e nelle frazioni. A Torre dei Calzolari, sabato notte  31 luglio alle 3, una pattuglia dell’aliquota radiomobile ha fermato un’auto alla cui guida c’era un eugubino di 35 anni. I militari si sono subito accorti che aveva alzato un po’ troppo il gomito e per questo lo hanno sottoposto all’alcol test. I risultati hanno confermato la presenza di un tasso alcolemico di terza fascia, compreso tra 0.8 e 1.5 e per questo é scattato il sequestro della patente e la denuncia. 

 

 

Il copione si è ripetuto domenica notte 1 agosto nel centro storico dove i carabinieri hanno fermato un’auto stavolta condotta da un ragazzo di 19 anni, neopatentato. Viste le sue condizioni il sospetto che avesse bevuto troppo è stato immediato e il responso dell’esame ha confermato una presenza nel sangue di un tasso superiore a 1,5 e cioè di seconda fascia. Per il ragazzo sono scattate sanzioni molto più pesanti di quelle del 33enne fermato a Torre dei Calzolari, inasprite oltre che dalla quantità di alcol nel sangue dal fatto che è un neopatentato. Sequestro della patente, segnalazione alla Prefettura per la sospensione. Il tutto con risvolti di natura penale perché anche per lui è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica.
Sempre i carabinieri hanno poi svolto, come detto, servizi mirati per contrastare comportamenti non corretti per ciò che concerne la movida e per far rispettare le normative anticovid.