Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, dopo trenta anni partono i lavori per la galleria della Guinza

  • a
  • a
  • a

Un’attesa lunga trenta anni. Erano stati bloccati nel 1990 i lavori per il traforo della Guinza, collegamento strategico con le Marche. Ora l’Anas ha ha avviato le procedure per far partire i lavori che saranno avviati nel primo semestre nel 2022 e per i quali sono stati stanziati 90 milioni. L’intervento sulla E78, relativamente all’adeguamento della galleria e del tratto Guinza-Mercatello Ovest, è funzionale all’apertura al traffico della canna esistente, lunga circa sei chilometri a cavallo tra le regioni Umbria e Marche.

 

 

Parla di “svolta storica per lo sviluppo economico del territorio” Filippo Gallinella, deputato 5 stelle. “Questo intervento - evidenzia - potrà finalmente rimuovere il principale ostacolo per il completamento della Fano-Grosseto, aprendo una galleria di sei chilometri chiusa da oltre trenta anni”. Il tratto presenta uno sviluppo complessivo di circa 10 km e comprende interventi di adeguamento della galleria della Guinza e il completamento del fornice già realizzato della stessa, di lunghezza pari a circa 6 chilometri con opere di finitura ed impianti per la messa in sicurezza e l’apertura al traffico della galleria. E’ previsto, inoltre, l’adeguamento degli accessi alla galleria della Guinza, lato Mercatello sul Metauro e lato Umbria, per uno sviluppo complessivo di circa 4 chilometri e opere stradali di connessione della stessa galleria con la viabilità esistente lato Umbria.

 

 

A seguito dell’inserimento dell’intervento nel Contratto di programma Mit-Anas 2016-2020, nel 2018 è stato redatto dal Coordinamento progettazione di Anas il progetto definitivo, inoltrato a ottobre 2018 alla Commissione gallerie, al Consiglio superiore lavori pubblici ed altri enti e amministrazioni per l’acquisizione dei pareri e delle autorizzazioni necessarie. A chiusura delle procedure ambientali e della Conferenza dei servizi, si procederà all’approvazione della pianificazione definitiva e, successivamente, si potrà procedere alla redazione del progetto esecutivo da porre a base di gara di appalto per l’affidamento dei lavori.