Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, spara e mette in fuga ladro. I vicini: “Merita un premio”

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

“E’ stato bravo, dovrebbero dargli un premio, ma non è stato così”. Parla Rossella, residente di Case Nuove. E’ questo il tenore dei commenti dei residenti del quartiere perugino alla notizia degli spari in aria esplosi da Saverio, 90 anni, ex carabiniere: venerdì è riuscito a mettere in fuga un ladro che si era introdotto nel cortile della sua palazzina e stava forzando la finestra dell’appartamento del vicino. L’altro ieri i colleghi dell’anziano, i militari della stazione di Castel del Piano, a Perugia, gli hanno ritirato i fucili, sei, che l’uomo deteneva con regolare denuncia in garage. Non si spara in un centro abitato, è stata la motivazione.

 

 

“Contro questo sequestro farò ricorso, ho già detto a mia figlia di sentire l’avvocato”, spiega al Corriere dell’Umbria lo stesso Saverio. “Ho solo cercato di difendere l’incolumità mia, di mia moglie, che ha 85 anni, e degli altri condomini. Quando di entrano questi soggetti in casa non sai mai come possono reagire. Ho sparato per metterlo in fuga”, continua l’ex appartenente all’Arma. Sia i suoi vicini che i commentatori dei social lo difendono. “In Italia difendiamo i delinquenti?”, è la domanda, evidentemente retorica, che si pone Stefano Domian Paoletti. Floriano Bellavita, autore di un libro sulle infiltrazioni della criminalità organizzata in Valnestore e destinatario di minacce, suffragate da controdenunce, è netto: “Se per primo ti spara il ladro e ti uccide sei compatito. Se invece spari tu per primo sei considerato violento. Anche a me sono state sequestrate ingiustamente armi e munizioni”. Giustificazione piena, secondo Roberto Giovagnoni: “Mica ha sparato addosso, ha esploso un colpo in aria a scopo intimidatorio, avendo ragione, mettendo in fuga i ladri. Capisco sempre meno questo Paese e certa magistratura”. Usa l’arma dell’ironia Gianni Giardino:”Gli hanno tolto le armi così i ladri la prossima volta non avranno problemi”. Per Antonella Mencaroni è “un incoraggiamento ai delinquenti”. C’è chi, come Biancamaria Cola, invita a “organizzare una manifestazione in difesa del signor Saverio”.

 

 

Ma ci sono anche quelli che difendono l’azione dei carabinieri: “Hanno solo applicato la legge”, spiega Emanuele De Angelis, “sempre dalla parte delle forze dell’ordine ma anche dei giudici quando applicano la legge. Se poi la legge non piace bisogna rivolgersi ai str…. privilegiati che votate per cambiarle”. Gli uomini dell’Arma, alla luce delle decine di segnalazioni di furti e tentate effrazioni aCase nuove, hanno annunciato che intensificheranno i controlli. Nei giorni scorsi una donna, vedova, è stata chiusa in cucina a chiave dai ladri, che hanno svaligiato casa. Un malvivente che tentava la fuga da un appartamento, sempre Case nuove, è stato preso a bastonate dalla proprietaria. “Ma la sera dopo erano di nuovo qui a forzare porte”, spiegano i vicini. “Per questo stiamo con Saverio. Dobbiamo pur difenderci".