Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, donna rapinata col taglierino: resta in carcere il 20enne tunisino

Esplora:
Tifoso con Daspo assolto

  • a
  • a
  • a

Resta in carcere il 20enne di origine tunisina arrestato la scorsa settimana da squadra volante e squadra mobile perché responsabile di diversi furti e rapine. Lo ha stabilito il gip, Margherita Amodeo, dopo l’interrogatorio di garanzia. Il giovane era diventato il terrore di corso Garibaldi. Finestrini delle auto sfondati, furti di motorini e un atteggiamento che non passava inosservato. Il giovane era stato in un primo momento sottoposto a fermo di indiziato di delitto. Poi il pm Franco Bettini ha chiesto e ottenuto l'ordinanza di custodia cautelare in carcere dal gip, Margherita Amodeo. Secondo quanto emerso, il giovane si è reso responsabile di due episodi particolarmente allarmanti: in un caso ha minacciato una donna che stava passeggiando in via Pellini con un taglierino. L'anziana gli ha consegnato le poche decine di euro che aveva nel portafogli. 

 

Poi, una  mattina dello scorso mese di giugno, nel centro cittadino, il  tunisino si era fermato nei pressi di un automobilista in difficoltà a causa dell'avaria del proprio veicolo; in quel frangente, l'arrestato si è finto meccanico  e gli ha offerto il suo aiuto, riuscendo cosi ad ottenere una scusa per entrare all'interno dell'abitacolo. A quel punto il giovane,  una volta sottratto il portafoglio dell'automobilista, con una scusa si  allontanato dal luogo fingendo di doversi recare presso la propria officina per prendere del materiale necessario a riparare l'autovettura. Non solo,  dopo aver sottratto il portafoglio, il tunisino è riuscito anche a effettuare una serie di acquisti in alcuni esercizi della città grazie all'utilizzo di una carta prepagata dell'automobilista.

 


Il tunisino è stato anche accusato di alcuni furti in zona corso Garibaldi. Ad aiutare i poliziotti nelle indagini  -oltre ai racconti delle vittime e le immagini della videosorveglianza - anche i post che lui stesso pubblicava sulle piattaforme social. Pure al momento dell'arresto era a bordo di un motorino rubato.