Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, green pass: raddoppio prenotazioni vaccini per i giovani ma nessun over 80 aderisce da 4 giorni

Francesca Marruco
  • a
  • a
  • a

Con le dovute differenze e su scala, l’effetto green pass a cui abbiamo assistito in Francia dopo l’annuncio di Macron, si registra anche in Umbria. In nove giorni le adesioni sono praticamente triplicate: dalle 962 del 14 luglio, si è arrivati alle 2.602 raggiunte alle 18 di ieri. Ma in effetti, a ben guardare, l’andamento ha virato pesantemente verso l’alto già dal 22 luglio: forse appena dopo l’annuncio del premier Draghi o forse perché molti indecisi, col green pass in approvazione hanno deciso di aderire. In particolare infatti se ieri ci sono state 2.602 adesioni, il giorno prima se ne sono registrate 2.099, quello precedente 1.540, il 20 luglio 1.305 e il 19 luglio 1.306. Sono quindi raddoppiate in quattro giorni. “E’ un segnale positivo – dice il commissario all’emergenza Covid dell’Umbria, Massimo D’Angelo – visto che la vaccinazione è il mezzo più utile per proteggere la comunità e far ripartire l’economia. In questa fase di ripresa dei contagi – ha aggiunto - il distanziamento è fondamentale per salvaguardare noi stessi e degli altri”.

 

In particolare, la fascia in cui l’adesione sta diventando quasi esponenziale è quella tra i 12 e i 19 anni: dai 209 del 19 luglio ai 652 di ieri, passando per i 407 di giovedì. Anche nella fascia di età 20-29 di registra un incremento consistente: dai 257 del 20 luglio ai 594 di ieri. C’è un lieve incremento anche per la classe di età 30-39 anni, che ieri ha registrato poco meno di 500 adesioni contro le 276 del 19 luglio. Numeri simili anche tra i 40-49enni: da 290 a 430. Mentre nella fascia 50-70 le adesioni non registrano alcun incremento: ci sono anzi delle diminuzioni. Tra i 50-59enni le adesioni ieri sono state 264 e nei giorni precedenti in media erano state circa 200. Stesso discorso per i 60-69enni: ieri 92 al pari della media di circa 90 dei giorni scorsi. Delle persone di età compresa tra 70 e 79 anni ieri hanno aderito appena 31 persone, contro le 34 di quattro giorni fa, senza particolari cambiamenti negli altri giorni presi in esame. 

 


Ma il dato allarmante è quello relativo alle persone di età compresa tra 80 e 89 anni e per gli over 90: negli ultimi quattro giorni nessuna adesione da parte loro. Anche se ci sono ancora 2.519 non aderenti tra gli over 90 e 5.690 tra gli 80-89enni. “Cercheremo di convincerli con dei vax day in cui somministreremo Pfizer - dice l’assessore, Luca Coletto - sulla mancata adesione di circa 30 mila over 60”.