Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Olimpiade, i sei umbri che sognano l'impresa: Foconi, Santarelli, Bacosi, Zaytsev, Duranti e Faloci

Nicola Uras
  • a
  • a
  • a

Conto alla rovescia per le Olimpiadi. Domani - venerdì 23 luglio - ci sarà la cerimonia d'inaugurazione di Tokyo 2020. L'Italia si affaccia ai Giochi Olimpici, un'edizione costretta a convivere con il Covid, con 384 qualificati. Di questi 6 sono umbri, una delle più folte rappresentative recenti. Un plotoncino, quello umbro, di alta qualità: l'obiettivo medaglia è concreto per almeno cinque di loro.

 

 

Grandi speranze l'Umbria le ha destinate sulla scherma. Il ternano Alessio Foconi (31 anni) e il folignate Andrea Santarelli (28 anni) sono leader delle rispettive discipline. Alessio arriva tardi alla sua prima Olimpiade ma con i favori del pronostico nel fioretto. Campione del mondo 2018, d'Europa nel 2019, attualmente è il numero uno del ranking mondiale e punta all'oro. Nella gara individuale e in quella a squadre. Obiettivi in comune ad Andrea che invece sarà il leader della gara a squadra della spada. Nell'Olimpiade di Rio vinse l'argento nella gara a squadre e ora, da quinto del ranking (bronzo al mondiale 2019 e argento all'Europeo 2019) tenterà il colpaccio nell'individuale. Proverà invece a ripetersi la pievese Diana Bacosi (38 anni), campionessa olimpica a Rio nel 2016 nella prova skeet del tiro a volo. Servirà un'impresa, ma Diana è capace di ogni risultato.

 

 

A Tokyo cercherà la medaglia più preziosa anche lo spoletino Ivan Zaytsev (32 anni) che ha collezionato già l'argento a Rio nel 2016 e il bronzo a Londra nel 2012. Leader della nazionale di volley, l'ex giocatore della Sir è all'ultima grande chiamata della sua carriera per quanto riguarda l'Italia. Prima volta invece per la spoletina Agnese Duranti (20 anni): la più giovane della pattuglia umbra sarà protagonista nella ginnastica ritmica a squadre in compagnia di Martina Centofanti, Alessia Maurelli, Daniela Mogurean e Martina Santandrea. Ha già conquistato diversi ori tra mondiali ed europei. Ora c’è un altro obiettivo da ottenere. Ultimo a strappare il pass per le Olimpiadi è Giovanni Faloci (35 anni di Trestina, nato a Umbertide), anche per il discobolo è una prima volta e ci arriva forte del primato personale, seconda miglior misura italiana di sempre.