Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città di Castello, ubriachi al volante causano incidenti e finiscono all'ospedale

  • a
  • a
  • a

Anche durante il week end è proseguita l'attività di contrasto all'abuso delle sostanze alcoliche alla guida, messa in atto da molti mesi ormai dai carabinieri della compagnia di Città di Castello. E ci sono stati due casi di ubriachi al volante che meritano di essere raccontati.

 

 

A farne le spese stavolta sono stati due giovani del posto. Il primo, un 32enne, a Città di Castello a Vingone, alle prime ore della mattina di domenica 18 luglio, ha perso il controllo della sua utilitaria finendo in una cunetta. Immediatamente soccorso dai carabinieri di Trestina e del 118, il giovane è stato medicato per le ferite riportate nel sinistro, giudicate guaribili in sette giorni. Sottoposto quindi agli accertamenti di rito, è risultato con un tasso alcolemico tre volte superiore al limite consentito, è stato quindi deferito alla Procura della Repubblica ed è scattato nei suoi confronto il ritiro della patente di guida. 

 

 

 

Ha rischiato probabilmente molto di più il 22enne che nella notte di domenica a Città di Castello, località Baucca, ha perso il controllo dell’autovettura che si è ribaltata ed ha preso fuoco, andando completamente distrutta. Soccorso da personale dell'aliquota Radiomobile della compagnia di Città di Castello e da personale del 118, il giovane è stato trasportato all’ospedale di Perugia ove al termine di approfonditi esami, in virtù della violenza del sinistro, è stato dimesso e giudicato guaribile in 20 giorni. Gli accertamenti alcolemici effettuati a suo carico, anche in questo caso, hanno evidenziato lo stato di ebbrezza alcolica, con un tasso addirittura di 4 volte il limite massimo. Il 22enne è stato quindi deferito alla Procura della Repubblica; anche per lui patente di guida ritirata ed autovettura sequestrata. 

I carabinieri dell'aliquota Radiomobile e della stazione di Monte Santa Maria Tiberina hanno invece deferito in stato di libertà per furto aggravato in concorso, due stranieri incensurati di 26 e 31 anni.