Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, vaccine day per immunizzare 32.500 over 60 che non si sono prenotati

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Doppio “vaccine day” per immunizzare gli over 60 che rifiutano l’iniezione. A monte ci sarà una campagna di sensibilizzazione attuata dalle strutture sanitarie regionali e dai medici di base. E’ il piano della Regione per evitare che la variante Delta del Covid impatti sulla popolazione più a rischio. “Stiamo pensando ad ulteriori iniziative per agevolare le vaccinazioni delle fasce sopra i 60 anni” spiega il commissario regionale per l’emergenza Coronavirus, Massimo D’Angelo, “tra queste misure c’è allo studio una due giorni di vaccine day per gli over 60, mirato nei territori dove è più alta la percentuale di chi non ha aderito alla campagna di immunizzazione in questa fascia di età. Per questo stiamo mappando l’Umbria zona per zona”.

La data è ancora da fissare. Ma i numeri sono noti. Sono circa 32.500 mila gli umbri non vaccinati sopra i 60 anni di età. Nel dettaglio si tratta di 2.209 over 90 su una platea di 18.200. Risultano cinque mila le persone di età compresa tra 80 e 89 anni che al momento non hanno optato per il vaccino, su un totale di 66.700. Ammontano a 8.700 i 70-79enni, su 97.500 complessivi. Sono 16.600 circa i 60-69enni che non hanno aderito, su 114.600. I dati sono al netto di coloro che hanno contratto il virus di recente e perciò devono attendere settimane o mese prima di ricevere la prima dose. L’obiettivo dei vaccine day è recuperare parte dei riottosi. Tutti, in due sedute, appare impossibile. I farmaci indicati per la stessa fascia di età, che quindi verranno utilizzati per i vaccine day, sono Johnson&Johnson (monodose) e AstraZeneca. Scatterà una campagna informativa per illustrare i benefici dell’immunizzazione, considerati dalla comunità scientifica di gran lunga superiore ai rischi. “A livello nazionale”, fa sapere l’assessore regionale alla sanità, Luca Coletto, “sono circa 2,5 milioni i sessantenni che non sono ancora vaccinati. Faremo un appello anche in Umbria, è importante che si vaccinino, e cercheremo di farli vaccinare consapevolmente”.

Nelle scorse settimane due team dell’Esercito hanno già raggiunto le zone più isolate, in particolare in Valnerina, per raggiungere casa per casa gli anziani non ancora prenotati. Intanto Umbria digitale sta lavorando per attivare dalla prima metà di agosto la prenotazione libera per tutti coloro che hanno già dato il consenso. Si tratta in tutto di 157.544 cittadini. Si potrà accedere al portale e scegliere liberamente data e punto di somministrazione. Da ieri è stata sbloccata l’opzione per anticipare la seconda dose. Tutti coloro che sono in attesa di richiamo accedendo a www.regione.umbria.it, alla sezione “prenota vaccinazione Covid”, potranno riprenotare la seconda iniezione accorciando i tempi. L’obiettivo è completare il ciclo per la maggior parte della popolazione (ieri era al 48.88%) e rallentare l’ascesa della variante.