Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, nuovo stadio Liberati: previsti 634 posti di lavoro e il museo sulla storia della Ternana

  • a
  • a
  • a

“Si stima in circa 180 specializzazioni lavorative nell’ambito dell’esercizio e dell’ordinaria attività del nuovo stadio, delle attività commerciali, ristorazioni, museo, hospitality, oltre agli indiretti per le aziende del conseguente indotto”.

E’ uno dei passaggi del documento di progettazione del nuovo Liberati, nel capitolo che riguarda l’aggiornamento dei livelli occupazionali. La previsione è che si creino non meno di 634 posti di lavoro.

 

Dalle carte del piano, che ha terminato ufficialmente il suo primo percorso amministrativo nelle stanze di Palazzo Spada e ora attende di poter approdare alla Regione Umbria per gli studi successivi, emerge che uno dei punti fermi per del nuovo Liberati sarà il “Museo della Ternana”.

Una spazio a cui il presidente dei rossoverdi ,Stefano Bandecchi, vuole dedicare tutte le attenzioni del caso, anche in considerazione che il club, nel 2025, celebrerà i cento anni dalla fondazione.

Con il progetto del nuovo stadio che dovrebbe essere terminato a ottobre 2024, ecco che il museo del club assumerà in quel momento un valore particolare non solo per i tifosi rossoverdi, ma anche per la città.

L’idea di avere un punto comune in cui poter raccogliere i vari cimeli sportivi delle Fere da tempo viaggia tra i tifosi e il mondo delle istituzioni: ora, con il progetto del nuovo stadio, potrebbe trovare una definitiva concretizzazione.

 

Dell’area museo si parla esplicitamente anche all’interno del progetto del gruppo di lavoro coordinato dallo studio Baldi Margheriti Associati. I locali sono stati pensati nell’area rialzata rispetto a quella attualmente occupata al livello di viale dello Stadio.

“Alla quota superiore allo stesso livello di viale dello Stadio - si legge nel progetto - ossia a +5.50 metri, quello del livello di accesso pubblico all’impianto sportivo, troveranno posto, oltre ai servizi dedicati per una superficie di circa 1500 metri quadri, il Museo della Ternana Calcio, per una superficie di circa 350 metri quadri, e un’area ospitalità di circa 500”.

Sarà questo dunque uno dei punti più trafficati della nuova struttura per quello che riguarda gli aspetti extra calcistici. La capienza complessiva dell’impianto arriverà a 18.500 posti tutti coperti, divisi in 5 settori, compreso quello della tifoseria ospite.

Tutti saranno pensati e realizzati con accessi e uscite indipendenti, ognuno dotato dei relativi punti ristoro e dai servizi. Dal progetto inoltre emerge che la tribuna delle autorità sarà in posizione centrale, dove si troveranno anche gli Skybox, su una superficie di circa 300 metri quadri, con quattro palchi riservati e le postazioni per la stampa e le riprese tv su una superficie esclusiva. Il prossimo step amministrativo dunque vedrà il progetto finire oggetto di analisi da parte dei tecnici della Regione, che convocheranno una nuova conferenza di servizi.