Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Spoleto, Festival dei Due Mondi in archivio con 22 mila presenze e 340 mila euro di incasso

Felice Fedeli
  • a
  • a
  • a

Il sessantaquattresimo Festival dei Due Mondi di Spoleto, tra le prime rassegne a ripartire dopo il lockdown, cala il sipario con circa 22 mila presenze e oltre 340 mila euro di incasso per più di 90 appuntamenti in 17 giorni, tra concerti, spettacoli di teatro e danza, incontri dal vivo e in streaming, eventi digitali, mostre e progetti speciali. Con il 95% di occupancy media e più della metà degli spettacoli sold-out l’edizione 64 conferma "l’interesse e la partecipazione del pubblico, la rilevanza internazionale della proposta, e la spinta verso la ripresa di tutto il settore dello spettacolo dal vivo. Nonostante le limitazioni di capienza nei luoghi di spettacolo, i numeri delle presenze in città sono comparabili a edizioni pre-covid, con circa 130.000 passeggeri che hanno utilizzato il servizio di mobilità alternativa dal 25 giugno all’11 luglio" si legge in una nota stampa.

 

 

La 64sima edizione ha coinvolto 708 artisti e 168 tecnici delle compagnie di spettacolo (173 internazionali e 535 italiani) e ha potuto contare su uno staff di 217 persone tra personale assunto e collaboratori, tecnici e personale di sala. 
 In crescita anche i numeri della partecipazione digitale durante il Festival, con 64.289 utenti che hanno visitato il sito web – con un incremento del 56,4% rispetto ai 39.269 del 2020. Le sessioni sono state 95.251 – con un incremento del 73,14% rispetto ai 55.015 del 2020 – dato che conferma che il sito web è stato uno strumento largamente utilizzato per la consultazione, anche vista la ricchezza di contenuti disponibili e complementari, come libretti di sala, blog, contenuti in diretta streaming, foto e video. 

 

 


 

In accordo con il protocollo quinquennale sottoscritto con il Comune di Spoleto, il Festival ha raggiunto sensibili obiettivi di riduzione dell’impatto ambientale. Si è ridotto del 50% l’utilizzo delle bottigliette di plastica rispetto al 2020, con circa 2500 litri d’acqua distribuita dagli erogatori gratuiti a disposizione – equivalenti a circa 5000 bottigliette di plastica da 0,5l per un totale di 230kg di CO2 risparmiata – insieme a 1.500 borracce consegnate allo staff e agli artisti. L’attenzione alla sostenibilità ha riguardato diversi settori organizzativi e produttivi: dalla stampa dei materiali su carta certificata Fsc alla selezione di materiali a basso impatto ambientale per i gadget, fino all’utilizzo di energia “Enel green power 100%” per tutte le attività di spettacolo.