Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Spoleto, volontaria ripulisce da sola i giardini della stazione ferroviaria

Rosella Solfaroli
  • a
  • a
  • a

Ripulisce da sola i giardini della stazione di Spoleto. Ancora una volta i cittadini danno lustro alla propria città. Questa volta ad essere protagonista di una profonda pulizia nei giardini della stazione ferroviaria è stata Antonella Bruno, dell’associazione Pasquale Antonietta Bruno.

 

 

Una donna che che tra le sue principali mission ha quella di custodire alcune delle colonie feline che sono dislocate in vari punti della città, ma che non si tira indietro qualora c’è da ripulire qualche area verde della città che mostra chiari segni di inciviltà. In un pomeriggio in cui Antonella Bruno si è recata nella colonia di gatti che si aggirano ai giardini della stazione ferroviaria, ha notato che l’area era invasa di immondizia di varia natura. Così, imbracciato guanti, sacchetti e bastone, nel corso di un pomeriggio e della mattinata successiva, si è messa di buona lena a raccogliere tutta la sporcizia sparsa nei giardini dove, tra l’altro, stazionano anche i tassisti in attesa dei viaggiatori che arrivano a Spoleto in treno.

 

 

Tassisti che, tra l’altro, qualche tempo fa a loro volta avevano provveduto a bonificare l’area dove trascorrono gran parte della propria giornata. E di sacchetti pieni di cartacce, bottiglie in plastica e non, contenitori di cartone e tanto altro ancora, ne ha accumulati parecchi Antonella Bruno. Una dozzina, per di più di quelli capienti. E visto che l’esempio trascina più di mille parole, non è da escludere che quanto fatto da Antonella Bruno venga replicato. Meglio ancora sarebbe se non venissero gettati nei luoghi pubblici i rifiuti. Perchè il bene pubblico è di tutti e, in questo caso, è il primo biglietto da visita per chi ha scelto di venire nella nostra città in treno. E non solo durante il Festival dei Due Mondi.