Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Magione, è del Trasimeno il vice campione italiano di pizza

Gabriele Burini
  • a
  • a
  • a

E’ umbro e lavora a San Feliciano sul Trasimeno, frazione del comune di Magione, il vice campione italiano di pizza. Si tratta di Luigi Malerba, 48 anni, pizzaiolo del ristorante zero7cinque Lago, che al campionato italiano svoltosi a Busto Arsizio, dove hanno partecipato circa 70 pizzaioli da tutta Italia, si è classificato al secondo posto nella categoria pizza classica con la sua Sinfonia umbra.

 

 

“E’ una bella soddisfazione – commenta Luigi Malerba – Devo ringraziare mia moglie, che mi ha spronato a partecipare e sostenuto, e mia figlia, che è stata presente con me alle finali. La pizza è realizzata con prodotti del lago Trasimeno e dell’Umbria. E’ ricca di umori antichi e genuini, presentati in chiave contemporanea, e nasce per mettere in evidenza le eccellenze artigiane di cui è ricco il nostro territorio. Tutti gli ingredienti sono esclusivamente provenienti da realtà del cuore verde d’Italia, per premiare lo sforzo di portare avanti produzioni con l’esperienza e i metodi tramandati da generazioni, dove il lavoro della persona e la sua competenza rimangono fondamentali e unici”. 
E così la pizza vincitrice della medaglia d’argento è stata realizzata con una farina 0 certificata Oriz (acronimo di origine italiana residuo zero, ndr) del Molino Fagioli di Magione, la mozzarella proviene da Colfiorito, la carpa regina proposta in porchetta è quella della Cooperativa dei Pescatori del Trasimeno, mentre la fagiolina (germinata per l’occasione), l’aglione e l’olio sono prodotti dall’azienda agraria Orsini di Passignano. Il tartufo nero è di Norcia, la salvia e il finocchietto selvatici crescono spontaneamente lungo le sponde del lago.

 

 

“Il tutto è stato fatto con grande amore e passione verso un lavoro che ormai faccio da 32 anni – dice ancora Luigi – Sono nato a Miami, negli Stati Uniti d’America, e all’età di sei anni sono tornato in Italia. Da quando avevo sedici anni, nel 1988, faccio questo lavoro: il riconoscimento è per tutti i sacrifici che ho fatto nel corso del tempo”, conclude con grande soddisfazione il vice campione italiano di pizza.