Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, Treofan: pagati gli stipendi fino a giugno, annuncio del vice ministro Alessandra Todde

  • a
  • a
  • a

Il Mise metterà a disposizione per Treofan tutti gli strumenti disponibili e necessari a supporto e continuerà a portare avanti le interlocuzioni con tutte le parti coinvolte. Lo ha sostenuto la mattina di lunedì 5 luglio 2021 la vice ministro, Alessandra Todde, nel corso del tavolo convocato in call conference, con la partecipazione del liquidatore, di rappresentanti della Regione Umbria, di Confindustria Umbria e delle parti sociali.

 

In merito ai salari per i lavoratori, Todde, in un comunicato, sostiene che “il liquidatore ha chiarito che l’azienda, attraverso il curatore, ha provveduto a versare fino a giugno tutti gli stipendi arretrati per i dipendenti, mentre per quanto riguarda la cassa integrazione, il liquidatore ci ha ulteriormente informato che l’importo dovuto è stato corrisposto dall’Inps dal 1 luglio”.

Varazi ha fatto liquidare, nei mesi scorsi, la tredicesima e quattordicesima mensilità, e a fine giugno 2021 ha fatto anticipare, a chi ne ha fatto richiesta, secondo fondi sindacali, da 3.500 a 4.500 euro del Tfr. Per quanto riguarda la cigs l’Inps ha invece già messo in pagamento i mesi di marzo ed aprile.

La vice ministro è impegnata “insieme alla Regione Umbria, a seguire il lavoro dell’advisor nelle prossime settimane e riconvocheremo il tavolo – conclude Todde - appena elaborerà un piano per lo stabilimento produttivo”.

 

L’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Michele Fioroni, è fortemente interessato al rilancio del polo chimico della Polymer che è specializzato nella trasformazione di polimeri, contesto ideale per dar vita un progetto di sviluppo integrato. L’accordo del 26 febbraio 2021 tra sindacato e il liquidatore, Filippo Varazi, prevedeva la firma anche dell’accordo a latere, firmato nelle scorse settimane, ma è necessario arrivare al verbale di conciliazione, modificato in alcune parti, che i lavoratori entro il mese di novembre potranno, se lo vorranno, firmare per rendere operativo il loro licenziamento, che scatterà però dal punto di vista operativo a fine febbraio 2022, da parte di Jindall.

Chi firmerà percepirà sette mensilità nette, e l’incontro in Confindustria dovrebbe tenersi nei prossimi giorni. Sul summit al Mise la segretaria generale dell’Uiltec Umbria, Doriana Gramaccioni: “Stiamo andando avanti con il percorso stabilito. E’ stato individuato l’advisor che dovrà trovare i players per la reindustrializzazione e ci è stato detto che entro settembre presenterà i progetti realizzabili. Come segretaria dell’Uiltec auspico che il polo chimico di Terni possa avere un rilancio e diventare attrattivo a livello nazionale, Sarà fondamentale capire cosa sarà fatto di concreto perché, ad oggi, sono stati fatti annunci”.