Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Italia-Belgio, spettacolo all'aperto per spingere gli azzurri in semifinale

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

C’è chi ha sperato di poter vedere Italia-Belgio venerdì 2 luglio sul maxischermo allestito sotto le logge di Braccio in piazza IV Novembre a Perugia. Lo stesso usato dalla Diocesi per la cerimonia di ordinazione dei nuovi sacerdoti avvenuta martedì. “Purtroppo lo abbiamo dovuto rimuovere subito dopo. Del resto dall’amministrazione comunale non c’è stata nessuna richiesta”, ha puntualizzato Amilcare Conti della segreteria dell’arcivescovo. 

 


In assenza quindi di un punto di raccolta principale per i tifosi perugini, come invece avviene in altre città italiane, non tutto è perduto per trascorrere insieme Novanta minuti adrenalinici degli Europei 2021 arrivati per l’Italia ai quarti di finale. E per l’occasione sono molti i locali che si sono attrezzati con i maxischermi per vivere un’altra notte azzurra: bar, ristoranti del centro storico e dei quartieri periferici di tutta la città. Partiamo da Borgo bello. Qui in occasione dei venerdì di festa, con chiusura al traffico, il quartiere dedicherà la serata principalmente all’evento calcistico con allestimenti video un po’ ovunque. Altrettanto succederà in via Birago alle 21 con Eurobirago. Gli organizzatori, i ragazzi di Pop Up, consigliano la prenotazione entro questa sera e di portarsi le sedie da casa. 
Per avere un posto in prima fila davanti ai grandi video è comunque necessario telefonare così fanno sapere all’Elfo Pub di via Sant’Agata e al Centova Caffè in via Berlinguer.  Ormai è consuetudine condividere l’evento al centro d’intrattenimento Gherlinda, a Corciano. Pure qui fin dall’11 giugno la gestione ha voluto trasmettere le partire su maxischermo.

 


C’è pure chi si sposterà fino al lago Trasimeno: gettonatissimo l’allestimento di Albania dalle 18. Abbiamo raccolto alcune prime indicazioni delle proiezioni su palischermo in città ma sicuramente la mappa è molto più articolata e ognuno avrà il proprio luogo del cuore. Intanto i gestori delle arene dei Giardini Frontone e del parco dell’Arringatore a Pila preferiscono mettere l’evento in programmazione per la finale del’11 luglio, nel caso che giochi l’Italia.  “Invece in via della Viola nello spazio esterno del cinema Meli es l’area non consente numeri da stadio nel rispetto delle misure di sicurezza”, specifica il gestore Mirco Gatti. Anche la comunità belga a Perugia avrà i propri punti di raccolta. Una comunità ristretta che conta meno di 150 persone ed è difficile individuare quali saranno i punti di raccolta.