Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, movida choc: giovani sniffano per strada

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Via Mattioli a Perugia.  I residenti sono assediati dagli schiamazzi dei giovani che impediscono a chiunque di prendere sonno. E capita che a volte si affaccino dalla finestra. Stavolta, e non è la prima, ci sono dei ragazzotti, tutti ben vestiti appoggiati sul muretto. Uno di loro ha un badge in mano e armeggia sopra quello che sembra essere uno smartphone. Non ci vuole molto a capire che sta preparando delle strisce di coca. Che poco dopo vengono sniffate in gruppo mentre passano pure altre persone. “Tirano cocaina e spacciano di continuo qui” racconta un residente, che aggiunge: “Questa notte (ieri ndr) è stata la peggiore di tutte. Anche peggio del sabato precedente in cui pensavo si fosse raggiunto l’apice. Ho contato 10 persone che hanno urinato in soli 10 minuti. E arrivano continuamente gruppo di 10-15 persone che si drogano o urinano. Uno schifo”. 

 


Se in via Mattioli è un disastro non va meglio in piazzetta Alfani e via Baldeschi con orde di ragazzini che ancora urlano alle tre e mezza passate. I residenti, ormai esasperati e delusi da quelle che ritengono essere azioni non incisive delle istituzioni stanno pensando di prendersi una vigilanza privata. 
Intanto, ieri sera, gli agenti della polizia locale guidati dal comandante Nicoletta Caponi hanno iniziato con i primi alcoltest. 

 

 

 


Secondo quanto risulta, dei primi 8 etilometri fatti ad altrettanti conducenti in piazza Fortebraccio all’una di notte, sono risultati tutti negativi. Sempre i poliziotti hanno inoltre multato quattro persone perché consumavano alcolici in piazza o per strada dopo le 23, quando è stato proibito con ordinanza del sindaco. I poliziotti hanno poi effettuato 18 multe per sosta selvaggia in viale Indipendenza e piazza Italia e, proprio in quei frangenti, un’auto ha quasi investito uno degli agenti e poi è andata a finire contro un’auto in sosta. Fermato il conducente, è emerso che era ubriaco. Per lui è scattata una maxi multa e il sequestro dell’automobile.