Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, antico fontanile della frazione Sant'Andrea: taglio del nastro della fine del restauro

Alessandro Picchi
  • a
  • a
  • a

L’antico fontanile restaurato della frazione di Sant’Andrea, in strada di Contea, sopra Collescipoli, a Terni, è stato inaugurato alla presenza del sindaco, Leonardo Latini, e degli assessori, Benedetta Salvati e Cristiano Ceccotti.

“Il progetto del comitato civico del circondario di cura e rigenerazione del sito è stata opera dell’intera comunità di Sant’Andrea - ha spiegato il consigliere Francesco Pocaforza - con un patto di collaborazione con il Comune. Grazie agli assessori Ceccotti e Masselli siamo riusciti a stanziare dei soldi da dedicare proprio ai patti di collaborazione e contribuire così a questo ed altri progetti di associazioni. Il grande merito di queste iniziative sociali sta anche nel fatto che, pur non essendo certi che il Comune avrebbe contribuito, i cittadini avevano già stanziato l’occorrente per provvedere ai lavori di restauro del fontanile”.

 

Cristiano Ceccotti, assessore ai patti di collaborazione: “Grazie a voi è nata una sinergia che ci ha permesso di creare, con i patti di collaborazione che già erano in essere, altre azioni. Sullo stimolo del vostro comitato, con il rappresentante Pietro Cianchetta, siamo riusciti a reperire delle risorse. Il Comune ha fatto una piccola cosa rispetto al vostro grande impegno, perché recuperare le nostre tradizioni significa recuperare la nostra storia e trasmetterla agli altri”.

 

Infine le parole del sindaco, Leonardo Latini: “Queste iniziative sono importanti per le comunità. Consentono di ricordare momenti della storia passata che è bene si tramandino e continuino a scandire quelli che sono i tempi delle comunità stesse che andranno avanti, ma devono rimanere fedeli alle proprie storie e simboli”.

“L’intento del progetto, avviato nel 2019 - ha spiegato il referente del comitato, Pietro Cianchetta - riguardava la riqualificazione e messa in sicurezza di un bene di interesse generale ed aveva l'obiettivo specifico di eliminare lo stato di degrado in cui versava, ormai da anni, la storica fontana del 1903”.