Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, Todi: Ovosapiens è il progetto imprenditoriale di due sorelle. Galline in libertà e solidali

  • a
  • a
  • a

Una scelta coraggiosa fatta da due sorelle. A Todi due ragazze hanno reagito alla crisi e hanno avviato un’attività, per certi versi originale, incentrata sulla produzione di uova con caratteristiche particolari. In realtà per le sorelle Carolina e Martina Giannini il sogno era un altro e una volta terminati gli studi hanno intrapreso l’attività di doppiatrici. Il mondo dello spettacolo però si è rivelato ostico e allora il loro amore per la natura le ha spinte a imboccare una strada diversa, quella dell’agricoltura, un percorso che si è rivelato affascinante e ricco di soddisfazioni fin dall’inizio. In questo particolare contesto è nato un prodotto originale, Ovosapiens, l’uovo prodotto da galline in libertà nella fattoria di famiglia.

 

 

“E’ una produzione di nicchia - racconta Carolina, mentre è impegnata a coccolare le sue galline - riservata a chi cerca qualità e sapore. Anzi, il sapore di una volta. Non abbiamo inventato nulla, ci limitiamo a rispettare la natura. Le nostre galline non vengono forzate a produrre, come se fossero macchine. Vivono secondo i propri ritmi, razzolano, volano sugli alberi, mangiano quello che trovano negli ampi pascoli a disposizione nella nostra azienda biologica. Aria, sole e tanto movimento, ecco il nostro segreto”. Ovosapiens vuole essere l’uovo di Todi ed è per questo che il mercato è esclusivamente locale: vendita diretta in fattoria, alcuni negozi di qualità, un paio di pasticceri e ristoranti selezionati, e il mercatino del sabato alla Cocchi Aosta.

 

 

 “Un prodotto di nicchia che può avere un futuro? La nostra attività - replica Carolina - ha la propria forza nelle piccole dimensioni, non cerchiamo i grandi numeri perché snaturerebbero il nostro modo di pensare e di produrre. A questo proposito due informazioni: le nostre galline, anche quando smetteranno di produrre uova, non verranno macellate come avviene negli allevamenti tradizionali, ma potranno restare ad invecchiare in fattoria. E ci teniamo ad evidenziare che acquistando le nostre uova si contribuisce anche a sostenere l’Aucc, Associazione umbra per la lotta contro il cancro”.