Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Spoleto, candidati sindaco: i primi nomi e le possibili alleanze

  • a
  • a
  • a

Candidature ufficiali non ce ne sono, a parte quella di Rosario Murro col Popolo della Famiglia, ma il toto sindaco è giocoforza iniziato a Spoleto, con una serie di nomi che circolano con insistenza. Ufficialmente le bocche restano ancora cucite, complice la necessità preliminare di tracciare i perimetri delle coalizioni sia in casa centrodestra, dove c’è da passare al pettine il caso Forza Italia, che nel centrosinistra alla prova del dialogo sul territorio con il M5s. In questo quadro i candidati sindaco restano ancora sottotraccia, ma qualche nome rimbomba.

 

 

Per il centrodestra si parla di Sergio Grifoni al vertice cittadino del mondo dell'associazionismo e del senatore eletto col M5s e ora nella Lega Stefano Lucidi, ma su entrambi risultano veti incrociati che in diversi vorrebbero superare con la candidatura di una donna: filtrano i nomi di Valentina Sabatini a capo di VusCom e di Chiara Coricelli alla guida dell'azienda olearia di famiglia.

 

 

Di là della barricata il centrosinistra sogna da anni l’anestesista Marco Trippetti, ma in pista ci sono anche Stefano Lisci e Massimiliano Capitani, tutti esponenti del Pd con un passato da consiglieri comunali. Qui, come nel centrodestra, la caccia al candidato sindaco è apertissima, anche perché c'è da capire se il M5s sarà alleato fin dal primo turno o se preferirà rinviare l'accordo al secondo tempo. Sul patto giallorosso radio elezione al momento propende per il no, coi pentastellati che potrebbero correre con Agnese Protasi. Sul fronte delle alleanze del centrodestra, invece, è probabile l'ingresso dell'ex consigliere Gianmarco Profili, che partecipa alle riunioni di coalizione per Alleanza civica, ma in primis c’è da difendere il perimetro tradizionale della coalizione, che è a rischio con Forza Italia: gli azzurri lo scorso marzo in consiglio comunale si sono spaccati sulla sfiducia a Umberto De Augustinis, anche se il coordinatore regionale Andrea Romizi ha bocciato la cacciata dell'ex sindaco messa in moto da Lega e Fratelli d'Italia, oltreché dal Pd. Difficile immaginare un centrodestra spaccato a Spoleto e compatto in tutte le altre città al voto, ma è pur vero che alcuni azzurri stanno dialogando col mondo civico, galassia ormai dominata da Maria Elena Bececco, intorno alla quale orbitano anche gli ex leghisti rimasti al fianco di De Augustinis e per questo cacciati dal Carroccio. In questo polo per la corsa alla fascia tricolore si fa il nome dello stimato agronomo Andrea Sisti. Infine, in campo anche la sinistra che, come avviene dal 2009, dovrebbe presentare un proprio candidato sindaco. Forse sarà ancora Maura Coltorti.