Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città della Pieve, salta il Palio dei Terzieri: ad agosto non si farà

Gabriele Burini
  • a
  • a
  • a

Ennesimo evento colpito dal Covid: il Palio dei Terzieri di Città della Pieve è stato ufficialmente rinviato. Salta dunque anche l’edizione 2021. Lo ha comunicato l’Ente Palio, composto dal sindaco Fausto Risini e dai presidenti dei tre terzieri – Borgo Dentro, Casalino e Castello – tramite un post su Facebook.

 

 

“Nell’ultima riunione – si legge nella nota – è stato confermato che la manifestazione del Palio dei Terzieri non potrà svolgersi nel mese di agosto per l’impossibilità di garantire il rispetto di tutte le norme cautelative e di controllo legate alla diffusione virale ancora in corso. Per l’importanza e il coinvolgimento che rappresenta tale evento, che divide e unisce tutti i pievesi, è desiderio comune stabilire la data di rinvio della disputa del Palio e dare avvio alla fase organizzativa”.
Il primo cittadino Fausto Risini ha voluto commentare ulteriormente la notizia. “Nell’ultima riunione abbiamo deciso il rinvio della manifestazione, inizialmente prevista per il 22 agosto – dice Risini – in questa data non è al momento possibile organizzare il Palio, perché non siamo ancora fuori dall’emergenza. Ci ritroveremo a luglio per valutare cosa fare”.

 

 

Le ipotesi in piedi, al momento, sono due. “O lo rinvieremo definitivamente al 2022, oppure lo riprogrammeremo per la fine di settembre, nella speranza che la situazione sia migliore – prosegue Risini – Fare il Palio, anche se in misura minore, significa mettere in moto tutta la macchina organizzativa che c’è alle spalle. Quest’evento non è solo la domenica della sfida, ma anche tutti quelli collaterali e le cene in taverna, che non si sa nemmeno se sarà possibile farle, visto che non sono state ancora prese decisioni sulle sagre”. La decisione dell’annullamento per agosto, comunque, è stata presa all’unanimità. “Il Palio coinvolge centinaia di pievesi, e solo la domenica della sfida arrivano nel borgo quasi quattromila persone. Gli assembramenti sarebbero inevitabili”, conclude Risini.