Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria da ciak, città e borghi diventano set per un mese. Pupi Avati cerca comparse

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

Un mese di riprese in Umbria: da Assisi a Bevagna. E poi Perugia, Foligno, Spoleto e la Valnerina. Pupi Avati ha scelto proprio questi luoghi per girare la sua versione della vita di Dante nel 700esimo anniversario della morte del sommo poeta. I ciak inizieranno il 28 giugno e si protrarranno fino al 31 luglio toccando appunto diverse città. Già in moto la macchina per la ricerca delle comparse: uomini, donne e bambini si dovranno presentare venerdì a Perugia (dalle 9 alle 10 ) per la selezione, dopo aver inviato il proprio curriculum via mail a [email protected]

 


Un’estate da cinema si prospetta nel mare del cuore verde: città e borghi si trasformano in set. Terminate sabato a Panicale le riprese de La signora Volpe, la serie tv inglese firmata Rachel Cuperman e Sally Griffiths. La troupe, di un centinaio di persone, aveva già fatto tappa nel centro storico di Perugia una settimana prima. 

 


Ferzan Ozpetek ha scelto il teatro Mancinelli di Orvieto per ambientare alcune scene de Le fate ignoranti, la serie tratta dal film cult del regista turco. In città è arrivata una carovana di tecnici e artisti e sono state selezionate una trentina di comparse. Cast super: Cristiana Capotondi, Luca Argentero, Edoardo Scarpetta, Ambra Angiolini, solo per fare qualche nome. Negli stessi giorni nella città della Rupe ha fatto tappa anche Alberto Angela. Il conduttore dedicherà a Orvieto una puntata della nuova stagione di “Meraviglie – La Penisola dei tesori” in onda su RaiUno in autunno. Sempre Orvieto ha fatto da sfondo al film tv sulla vita di Carla Fracci con Alessandra Mastronardi come protagonista: un mese di riprese con 200 comparse locali. Passaggio pure della casa di produzione Lucky Red con La befana vien di Notte 2 - Le origini interpretato dalla star internazionale Monica Bellucci con Fabio De Luigi a fianco. La troupe ha scelto Todi come base dal 19 al 23 aprile scorso. A fine maggio sono iniziate le riprese di Don Matteo 13 a Spoleto. Ma il brutto tempo ha fatto interrompere il lavoro e la troupe è tornata a Roma per riprendere l’attività in Umbria a settembre con il secondo blocco di attività, a cui prenderà parte anche Raoul Bova che nella fiction interpreterà “un sacerdote al primo incarico” affiancando il celebre protagonista Terence Hill.

 

 

Tutto da confermare, ma le premesse ci sono, per il ritorno di Che Dio ci aiuti 7 ad Assisi. La Luxe Vide non ha ancora ufficializzato nulla, si attendono sviluppi nei prossimi mesi.Al composito quadro dei set in Umbria la Regione ha voluto imprimere un ulteriore impulso con il bando regionale Fund Film 2021 che stanzia 1,5 milioni per attirare produzioni cinematografiche e audiovisive. Un completamento della strategia verso la neonata Fondazione Umbria Film Commission ancora in attesa del direttore in arrivo dopo il primo luglio. Il Film Fund è rivolto in particolare alle piccole e medie imprese, singole e/o associate che svolgono attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi. La presentazione della domanda dovrà avvenire entro il 15 luglio 2021. 
Dall’estate all’autunno a tutto cinema.