Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, adesso c'è piazza Marco Pantani: è a Villa Pitignano

  • a
  • a
  • a

Una piazza a Villa Pitignano che porta il nome del grande campione Marco Pantani. L'idea è venuta al gruppo sportivo Villa Pitignano con il presidente Tosello Canestrelli che spulciando e sistemando gli archivi storici della società ha ritrovato le foto di Marco Pantani che da Juniores corse qui a Villa Pitignano nel lontano 1988, arrivando secondo in cima alla salita del paese, da sempre legato al mondo del ciclismo.

 

Sabato si è svolta l'inaugurazione alla presenza del sindaco Andrea Romizi, dell'assessore Edi Cicchi, del consigliere comunale Paolo Befani e il presidente del comitato provinciale di Perugia della Federciclismo, Luciano Bracarda, da sempre legato al sodalizio in giallo verde di Villa Pitignano. A benedire la nuova piazza il parroco don Nicolò che ha avuto parole bellissime per il Pirata. E tra i presenti c'era anche Luca Panichi che le salite, per stimolo e per volontà, le sfida non in bicicletta ma in carrozzina, da quando ebbe un incidente durante una corsa. E da oggi Marco Pantani, in cima a quella salita ha la sua piazza, per non essere dimenticato e per entrare, anche a Perugia come il campione che è stato per tutti. E a ricordo del campione non c’è solo la targa ma anche una lapide che celebra le gesta di quel ragazzetto, appena diciottenne che perse la sua corsa per un soffio, su quella salita che lui amava tanto e che lo ha distinto tra una moltitudine di ciclisti.

 

 


Il sindaco di Perugia ha voluto ricordare come Marco Pantani ci abbia insegnato il valore e la fatica del ciclismo, del suo essere uomo, con le sue fortune e i momenti terribili. Il ciclismo come sport che deve unire, ognuno a cercare la vittoria, ma una volta tagliato il traguardo deve vincere la sportività e il rispetto.
La lapide è stata realizzata da Paolo Spaccia, un tempo vice presidente del GS Villa Pitignano e imprenditore del settore del marmo: il paese sullo sfondo e Marco Pantani stilizzato con la scritta che ricorda quella partecipazione il 15 aprile del 1988.