Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città di Castello, beni confiscati regalati dalla Guardia di Finanza alla Croce rossa

  • a
  • a
  • a

Beni confiscati diventano preziosa donazione al comitato di Città di Castello della Croce Rossa. I finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza di Perugia hanno donato al comitato di Città di Castello della Croce rossa italiana (Cri in sigla) supporti medici, apparecchi elettromedicali e presidi medico-sanitari vari (tra cui stampelle e carrozzelle), oltre a ben 180 litri di gasolio.

 

 

I beni, confiscati dalla tenenza di Città di Castello al termine dei rispettivi processi penali, erano destinati a essere distrutti ma, vista la qualità dei prodotti e la possibilità di utilizzare gasolio, i militari hanno ritenuto opportuno proporre alla competente autorità giudiziaria il riutilizzo per finalità sociali. Davvero una scelta generosa e molto apprezzata da tutta la cittadinanza.
La donazione è avvenuta alla presenza del presidente del Comitato, Francesco Serafini, il quale ha espresso riconoscenza per il costante impegno profuso, da parte del corpo della Guardia di Finanza, a tutela della comunità tifernate, con particolare riferimento al sostegno fornito nel periodo emergenziale epidemiologico. Gli opportuni ringraziamenti sono stati rivolti anche all’autorità giudiziaria che ha permesso di destinare i beni alla Cri.

 

 

I volontari della Cri forniranno i prodotti sanitari alle persone in difficoltà, mentre il gasolio potrà essere utilizzato per alimentare i gruppi elettrogeni utilizzati in casi di calamità ed emergenza.
I beni sono stati confiscati all’esito di un’indagine che ha permesso di stroncare una maxi-truffa nazionale perpetrata tramite una parafarmacia, mentre il gasolio era stato oggetto di contrabbando.
La Guardia di Finanza, oltre ad assolvere i compiti derivanti dalle proprie prerogative di polizia economico-finanziaria, è costantemente impegnata nella promozione di iniziative a carattere sociale, improntate a spirito di solidarietà. E mai come in questo periodo c'è necessità di simili esempi. C'è davvero bisogno di tanta solidarietà.