Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, accusato di 8 furti patteggia 2 anni e 4 mesi

Esplora:
La vicenda è finita in tribunale a Perugia

  • a
  • a
  • a

Otto furti messi a segno in nemmeno tre mesi nella stessa zona della città. E’ per questo motivo che un 30enne di origine tunisina ieri ha patteggiato due anni e quattro mesi. L’uomo, difeso dall’avvocato Vincenzo Bochicchio, nei mesi scorsi era stato arrestato. Nei suoi colpi ha rubato di tutto: dai bancomat agli occhiali da sole passando per compressori e ombrelli. Con il bancomat si è pagato un pranzo al bar della stazione. In diverse occasioni ha approfittato della distrazione delle vittime che magari inavvertitamente hanno lasciato aperti gli sportelli delle automobili, oppure ha rotto i vetri dei finestrini. Il 9 dicembre ha rubato il bancomat a una donna e nel giro di qualche minuto le ha prelevato 500 euro dal conto. Nell’ordinanza di custodia cautelare che emise il gip, viene evidenziato che l’uomo era stato immortalato dalle telecamere in diverse occasioni, compresa quella in cui paga con il bancomat il pranzo. 

 


Il 31 ottobre dello scorso anno il 30enne era stato anche fermato dalle forze dell’ordine e al momento della perquisizione gli è stato trovato addosso un Samsung galaxy che era stato rubato poco prima. 

 

 

“Tutti gli elementi acquisiti - stava scritto nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita il 24 febbraio scorso - si osserva che in sostanza è emerso il ripetuto coinvolgimento dell’indagato in fatti di reato molto simili: un uomo, approfittando della momentanea distrazione della persona offesa, (perché intenta al rifornimento della propria autovettura presso un distributore o perché momentaneamente impegnato in altre attività) sottrae i beni presenti nell’auto, generalmente borse e telefonini e si dilegua repentinamente. In due casi, peraltro riferibili all’uomo, i furti risultano commessi mediamente effrazione di un vetro dell’auto in sosta sempre nella zona di via XX Settembre. Per questo motivo alcuni furti sono risultati pluriaggravati. L'uomo era già noto alle forze dell'ordine