Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, videosorveglianza: in arrivo nuove telecamere per una città più sicura

Maria Luce Schillaci
  • a
  • a
  • a

Via I Maggio, via Giannelli, piazza Solferino, via Caduti di Montelungo-area cimitero, via Tito Oro Nobili, piazzale Bosco (nella foto), strada di Collescipoli, passerella stazione, via Romagna, Colle Sant’Angelo e strada statale Valnerina.

Occhi puntati su queste zone della città: a breve infatti saranno installate proprio in queste vie le nuove telecamere di sorveglianza del Comune di Terni direttamente collegate alla centrale operativa della polizia locale. Si tratta del terzo lotto di un bando legato al “Patto per Terni sicura” e al progetto approvato tra il 2015 e il 2016 per un valore complessivo di 300 mila euro.

 

Tutto si era bloccato a causa del dissesto. Di recente c’è stata la riattivazione e il contestuale aggiornamento del progetto esecutivo, con l’avvio della procedura negoziata per la ripartenza delle opere. Ora, per l’appunto, è stato assegnato l’appalto dell’ultimo lotto, per un importo di quasi 160 mila euro, se lo è aggiudicato un’associazione temporanea di imprese campane.

Oltre alla videosorveglianza è compresa anche l’illuminazione pubblica, con nuove zone che vedranno l’installazione di punti luce di ultima generazione: si parla della rampa di via Eroi dell’Aria, piazzale Bosco, via del Verde, parco Loi, via Vallemicero e via Piermatti.

In varie zone la videosorveglianza e una nuova illuminazione, fonte di maggiore sicurezza, erano attese da anni, come ad esempio nel parcheggio delle ex officine Bosco, vicino alla stazione, teatro in passato di episodi di microcriminalità ma anche di una presunta violenza sessuale. Più volte i residenti hanno di fatto chiesto controlli più frequenti, ma anche le telecamere che, dunque, arriveranno tra breve.

 

Altri residenti adesso puntano a chiedere le telecamere di sicurezza, specialmente in parti della città rimaste più appartate e che dunque potrebbero sfuggire con facilità ai controlli. Tra queste zone, ad esempio, c’è uno spiazzo che si trova tra piazza Dalmazia e largo Ottaviani, proprio dietro alla chiesetta, ormai punto di ritrovo per molti giovanissimi dopo la recente installazione di telecamere vicino ai cosiddetti gradoni.

Occhi di sorveglianza anche nei parchi cittadini che saranno dotati di telecamere nell’ambito del progetto “Parchi sicuri”: ne sono previste 38, in prevalenza del tipo Speed Dome a favore di 5 parchi: La Passeggiata (8 telecamere Speed Dome, 2 telecamere fisse); il Parco Ciaurro (6 telecamere bullet, 2 telecamere fisse); il Parco Le Grazie (8 telecamere Speed Dome, 4 telecamere fisse), il Parco Via Martiri della Libertà (4 telecamere Speed Dome); il Parco Lungonera (4 telecamere Speed Dome). 

Come previsto, le immagini raccolte vengono inviate al data center del Comune e da questo riproposte alle centrali operative del comando della polizia Locale, della questura e del comando provinciale dei carabinieri.