Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, chi è in vacanza potrà riprenotare il vaccino nei 10 giorni successivi

Esplora:

Francesca Marruco
  • a
  • a
  • a

Chi ha paura di “finire in coda” qualora non si potesse presentare all’appuntamento che gli arriverà per la somministrazione del vaccino può stare tranquillo. Potrà cancellarlo e registrarsi nuovamente. E non andrà necessariamente a finire per ultimo. Anzi. Secondo quanto si sta stabilendo in queste ore in seno alla task-force vaccinale, le persone che- per qualsiasi motivo- dovessero non avere la possibilità di presentarsi all’appuntamento che verrà dato loro, verranno rimesse nel ciclo delle persone da convocare nei 7 -10 giorni successivi. E non è vietato farlo anche più volte qualora i problemi si ripresentassero. Le persone che si sono registrate nel sito della Regione con la pre-adesione non hanno infatti avuto la possibilità di “scegliere” l’appuntamento come invece accaduto fino ad ora con gli altri vaccinati. 

 


In attesa di essere convocati ci sono i 50-59enni, i 40-49enni e da giovedì anche i 30-39enni. Secondo il calendario reso noto dalla task force vaccinale nell’ultimo aggiornamento sull’andamento della campagna vaccinale e della pandemia, i 50-59enni dovrebbero essere convocati per la prima dose nella prima quindicina di giugno. Poi tocca ai 40-49enni e infine, dai primi di luglio ai 30-39enni. Per finire poi con i più giovani. Anche perché, nelle prossime sei settimane si tratterà di fare prime dosi, nella maggior parte dei casi, poi scatteranno i tantissimi richiami

 


I cittadini che attendono l’sms devono sapere inoltre che potrebbero riceverlo in un arco temporale compreso tra i due e i sette giorni prima della data. Riceveranno contestualmente anche la data per il richiamo. Inoltre, secondo quanto appreso, la chiamata avverrà non sulla base di chi ha dato adesione prima o dopo, ma con logica geografica e anagrafica. Ovvero partire dai più grandi andando a scendere raggruppati a seconda delle disponibilità dei vaccini nei diversi distretti umbri. Quanto alla tipologia di vaccino, agli over 60 vanno Astrazeneca e J&J, mentre agli altri Pfizer e Moderna. alla data di ieri l’Umbria aveva somministrato il 97% delle dosi ricevute, 509.954 su 528.015 ricevute. Sono 347.186 le persone che hanno avuto la prima dose e 171.749 quelle che hanno fatto il ciclo completo.