Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, gli studenti del liceo artistico Metelli realizzano una nuova vetrata per la basilica di San Valentino

  • a
  • a
  • a

E’ stata inaugurata la mattina di domenica 30 maggio 2021, nella basilica di San Valentino, a Terni, una nuova vetrata artistica, realizzata dagli studenti del liceo artistico Metelli di Terni e dal maestro vetraio Pierluigi Penzo, nel corso di una cerimonia presieduta dal vescovo della diocesi di Terni, Narni e Amelia, Giuseppe Piemontese.

Sono intervenuti anche il vicesindaco del Comune di Terni, Andrea Giuli, il presidente del Lions Club San Valentino Terni, Enrico Vincenzo Malizia; la dirigente scolastica del liceo artistico Metelli, Roberta Bambini; professori e studenti che hanno partecipato alla realizzazione dell’opera.

 

La vetrata, donata dal Lions club San Valentino, raffigura "San Valentino e i giovani" nella contemporaneità ed è collocata nella seconda cappella di sinistra della basilica, dedicata alla Madonna del Carmine. Si tratta della settima vetrata realizzata per la basilica a cominciare dalla prima posta al centro della facciata nel 1933, su commissione dei Lions.

La vetrata, dalle dimensioni 180 x 280 cm con un’area di 5 mq, è stata realizzata dal maestro vetraio Pierluigi Penzo, su progetto e disegno degli studenti della classe V^ indirizzo Design dei metalli dell'istituto classico artistico Metelli, coordinati dai professori Angela Avenoso, Pasquale Verdone, Marco Collazzoni.

 

Il bozzetto è il risultato di un lavoro corale in cui gli studenti si sono divisi i compiti nell’esecuzione del disegno dei vari personaggi che sono poi stati posizionati all’interno dello spazio del telaio della vetrata, insieme ai simboli legati alla figura di san Valentino: le rose che il protettore dell’amore era solito donare ai fidanzati, la palma del martirio e l’ulivo, simbolo della pace.

È stato anche presentato il libro di Adolfo Puxeddu “Il culto di San Valentino martire, vescovo e patrono massimo della città di Terni”, sponsorizzato dallo stesso Lions, che ripercorre la storia del Santo e raccoglie la serie di vetrate realizzate per la basilica. Il ricavato è destinato per i poveri della parrocchia di S. Valentino.