Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, inaugurato il modular hospital al Santa Maria della Misericordia con 10 posti di intensiva

Fra. Mar.
  • a
  • a
  • a

L’inaugurazione del modulo la dice lunga sulla programmazione delle terapie intensive che la Regione Umbria ha fatto”, ha detto il generale Francesco Paolo Figliuolo dopo aver inaugurato il “modulo Arcuri” ieri mattina all’ospedale di Perugia che contiene 10 posti letto di rianimazione. Si tratta di uno dei 4 modular hospital che la struttura commissariale ha destinato all’Umbria per un totale di 44 posti letto. Questo in particolare, collegato da un modulo aggiuntivo con l’interno dell’ospedale, secondo Figliuolo, è un “valore aggiunto”, un vero e proprio “gioiello” con apparecchiature moderne.

 

Alla cerimonia, che si è tenuta prima del saluto del generale ai militari dell’ospedale da campo, in procinto di smobilitare tutto, hanno preso parte , tra gli altri, il presidente della Cei, Gualtiero Bassetti, la presidente della Regione, Donatella Tesei, il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, il dg dell’ospedale, Marcello Giannico, i primari di terapia intensiva Fabio Gori e Edoardo De Robertis, il primario del pronto soccorso, Paolo Groff e la coordinatrice infermieristica, Monia Ceccarelli. “E’ un altro buon risultato della nostra sanità” ha detto la governatrice. Il modular hospital entrerà in funzione quando in terapia intensiva 1 prenderanno il via i lavori finanziati dai fondi Arcuri. Potrebbe essere destinato ai Covid in caso di necessità.

 

Il modulo è stato infatti costituito per avere percorsi separati. “E’ completamente aderente ai protocolli anticovid”, ha spiegato il generale. Il modulo è in comodato d’uso per due anni poi l’azienda ospedaliera potrà avanzare una proposta di acquisto. Le apparecchiature invece in un secondo momento potrebbero essere portate all’interno dell’ospedale. Al momento non è stata comunicata una data per la sua attivazione anche per la  mancanza di qualche tipo di apparecchiatura aggiuntiva. L'open space con macchinari di ultima generazione, potrà accogliere 10 persone. Il modulo dovrà servire per tutto il tempo in cui all'interno dell'ospedale dovranno essere eseguiti i lavori.