Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Spoleto, rubava nelle Marche auto parcheggiate: arrestato 60enne

  • a
  • a
  • a

Rubava auto in sosta durante l'ultimo lockdown e in un caso avrebbe anche sfilato la borsa a una donna in una sala d'aspetto. Sempre nelle Marche. Era ricercato da una decina di giorni, il sessantenne di Spoleto identificato dai carabinieri di Jesi attraverso le registrazioni delle telecamere di videosorveglianza dei tre comuni della provincia di Macerata in cui aveva colpito, ma l'arresto è scattato soltanto mercoledì pomeriggio 26 maggio e lo hanno eseguito i carabinieri della Compagnia di Spoleto.

 

 

Il sessantenne, infatti, formalmente risiede in Veneto, ma al suo domicilio i militari non hanno trovato traccia di lui e così quando gli uomini del capitano Aniello Falco lo hanno notato in città lo hanno fermato, identificato e arrestato, così come disposto dal gip del tribunale di Macerata. Sì, perché a suo carico il 17 maggio scorso era stata firmata un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, dove è stato accompagnato e resterà in attesa dell'interrogatorio di garanzia che dovrà confermare o alleggerire la misura disposta dal gip.
Il sessantenne è accusato di una scorribanda di furti di auto che secondo gli inquirenti avrebbe commesso tra Macerata, Potenza Picena e San Severino Marche.

 

 

Si tratta di tre utilitarie dal valore complessivo non superiore ai 20 mila euro che lo spoletino avrebbe forzato e poi rubato nel periodo compreso tra febbraio e marzo, ma che al momento non risultano recuperate e verosimilmente sono state vendute. Tra le contestazioni mosse a carico del sessantenne, ora ristretto nel carcere di Maiano, c'è anche un furto con destrezza ai danni di una donna a cui avrebbe sfilato una borsa in una sala d'aspetto. Anche in questo caso le telecamere e le testimonianze avrebbero convinto i carabinieri che a rubare gli effetti personali sarebbe stato lo spoletino, gravato da diversi precedenti di polizia.