Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tari, inviati 85 mila avvisi di pagamento. Niente aumenti per le famiglie di Perugia

  • a
  • a
  • a

Sono 85 mila le bollette dei rifiuti che stanno arrivando a domicilio proprio in questi giorni per oltre 47 milioni di euro. Sono esclusi soltanto gli agriturismi e alcune attività industriali per cui si stanno attendendo chiarimenti sul nuovo regolamento da applicare. 
Le bollette riguardano sia utenze domestiche che non domestiche e non prevedono aumenti: le tariffe applicate restano quelle del 2020 in maniera tale da andare incontro anche alle esigenze delle famiglie in questo momento di difficoltà. Eventuali variazioni al piano tariffario, che dovranno essere stabilite entro il 30 giugno, verranno applicate soltanto nel conguaglio previsto con la prima rata del 2022. Nel nuovo piano tariffario potrebbero entrare anche eventuali riduzioni per le categorie economiche sopraffatte dalla crisi legata al Covid e per le quali la giunta comunale ha già reso noto di essere riuscita a individuare dei fondi. 

 

“Per l’anno in corso è possibile pagare con due modalità, in una rata unica entro il 16 giugno oppure in quattro rate, la prima delle quali è prevista per il 31 maggio - evidenzia Annalisa Maccarelli, responsabile Ufficio Tari di Gesenu - Da quest’anno gli avvisi Tari vengono riscossi con il sistema PagoPa, come previsto dalla legge. Ma ai cittadini che lo richiedono possiamo mandare il modulo F24 applicando, però, una piccola commissione”. Nella pagina Trasparenza Area, servizio Tari modalità di pagamento ammesse, vengono fornite tutte le indicazioni utili. I cittadini in difficoltà possono anche fare riferimento al numero verde che però richiede qualche minuto di attesa, otto nella giornata di ieri. Il sistema PagoPa, che nella fase iniziale può comprensibilmente creare qualche problema, ha il vantaggio di essere sicuro e trasparente oltre che di ridurre drasticamente l’insorgenza di possibili errori.

 

 

 

 

A ieri, attraverso questo sistema, erano state pagate bollette Tari per 3.510.632 euro. Mentre vanno avanti i controlli anti morosità che verranno ulteriormente incrementati nella seconda parte dell’anno.