Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, assalto al bar La Pergola di Panicale: rapinatore armato di pistola

Gabriele Burini
  • a
  • a
  • a

Rapina a mano armata nella serata di giovedì 20 maggio al bar La Pergola di Olmini, piccola località del comune di Panicale, in provincia di Perugia. Un uomo che parlava perfettamente italiano si è presentato al bar all’orario di chiusura serale, intorno alle 20, quando all’interno del locale era presente solamente una dipendente. Incappucciato e con una pistola in mano, ha fatto capire fin da subito le proprie intenzioni alla barista, riuscendo a portar via circa 800 euro, l’incasso della giornata del bar. Con lui un’altra persona che non è entrata all’interno del locale ma che è stata intravista dentro l’automobile con la quale i due uomini sono scappati non appena messo a segno il colpo, facendo perdere le proprie tracce.

Sul caso stanno indagando i carabinieri della compagnia di Città della Pieve guidati dal capitano Andrea Caneschi. Elementi utili alle indagini potrebbero emergere, oltre che dalle testimonianze, anche grazie all’ausilio delle telecamere di videosorveglianza comunali presenti nella zona. La speranza è che gli occhi elettronici possano aver ripreso i due banditi fornendo elementi utili al loro riconoscimento. Nessuno si è ferito per fortuna, ma la paura rimane tanta, per un fatto di criminalità che non si vedeva da tempo in un territorio tutto sommato tranquillo. Altro elemento da appurare, quello legato alla pistola. Non è ancora chiaro se l’arma fosse vera o giocattolo.

Fatto che cambia poco il terrore provocato alla dipendente che si è trovata da sola faccia a faccia con il rapinatore armato. Anche a Terni  giovedì è andata in scena una rapina al bar Hope di Lungonera Cimarelli. Un uomo ha puntato la pistola contro due dipendenti portando via 400 euro. Al Trasimeno invece, tra dicembre e gennaio dei finti carabinieri avevano fermato delle macchine lungo il raccordo Perugia – Bettolle, tra Tuoro e Torricella, costringendo gli occupanti, sotto la minaccia dell’uso di armi da fuoco, a lasciare soldi e gioielli.