Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, i preti che hanno lasciato la tonaca per amore: "Grazie per l'affetto. Non stiamo diventando padri"

  • a
  • a
  • a

Ringraziano tutti coloro che hanno manifestato sincero affetto e continueranno a camminare "nell'amore di Gesù". Sono Samuele Biondini e David Tacchini, ex parroco ed ex vice parroco di Città di Castello che hanno deciso di lasciare la tonaca per amore. I due ex sacerdoti spiegano che hanno scelto di non parlare della loro vita pubblicamente, perché credono più consono "affrontare tale tema in un contesto di relazioni umane e di autenticità". E in un comunicato congiunto spiegano di non aver volutamente rilasciato alcuna dichiarazione. Smentiscono inoltre che stanno per diventare genitori. "Abbiamo soltanto chiesto e ottenuto la dispensa dal celibato e conseguentemente secondo le norme vigenti, non possiamo esercitare il ministero" ma non "stiamo per diventare padri".

La notizia che Samuele Biondini (51 anni) e il vice David Tacchini (40) hanno lasciato la tonaca, è stata ufficializzata la scorsa settimana ed è subito diventata virale, finendo su tutte le testate nazionali. Anche perché poche settimane prima anche Riccardo Ceccobelli in Umbria aveva lasciato la chiesa per amore. Scelte che sono state salutate con affetto dalla maggioranza dei cittadini che hanno applaudito il coraggio di dire la verità e iniziare una nuova vita. 

L'ex parroco di San Pio X e il suo vice, a distanza di tempo avevano parlato con il vescovo Domenico Cancian, annunciando di voler lasciare il sacerdozio proprio perché innamorati. Una volontaria e una infermiera sono le donne che hanno fatto battere i loro cuori e che li hanno spinti a decisioni forti e intense. Al loro posto è stato nominato padre Giuseppe Renda che ha celebrato la prima messa nel pomeriggio di sabato scorso, 15 maggio, alla presenza del vescovo Domenico Cancian. Per la parrocchia, dunque, è iniziata una nuova esperienza. E ora sta accadendo la stessa cosa anche a Samuele e David che potranno continuare a contare sull'affetto e sulla stima di tanti amici e fedeli.