Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio, esplosione alla Greenvest: c'è un quarto indagato

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

C’è un quarto indagato nel disastro Greenvest del 7 maggio scorso a Gubbio nel quale Samuel Cuffaro di 20 anni ed Elisabetta D’Innocenti di 53 hanno perso la vita e tre persone sono rimaste ferite tra cui una (Alessio Cacciapuoti, ricoverato a Cesena) in maniera gravissima. Nell’elenco c’è infatti anche Luciano Rossi, nato a Bratislava nel 1987 e residente in Slovacchia, comproprietario insieme al fratello Alessandro, nato a Perugia (32 anni) residente a Petroia e Gabriele Maria Michele Muratori nato a Castiglion Fiorentino (28 anni) residente a Gubbio della Green Genetics, e Maria Gloria Muratori 22 anni, nata e residente a Gubbio e sorella di Gabriele, legale rappresentante della Greenvest che commercializzava il prodotto della Green Genetics.

 

 

Per tutti le accuse sono di di omicidio colposo, disastro colposo, lesioni colpose gravissime. Ieri il magistrato inquirente, Gemma Giuliani, ha conferito l’incarico di consulente tecnico ad Aldo Romani, professore associato al dipartimento di chimica, biologia e biotecnologie dell’Università di Perugia. Fissato per mercoledì 19 maggio alle 9 il sopralluogo alla Greenvest.

 

 

In base agli elementi che acquisirà dovrà rispondere al magistrato sulle ipotesi d’innesco dell’incendio in relazione alla procedura chimica e dei macchinari e sostanze utilizzate al fine di individuare i rischi connessi, le norme di legge e di cautela dovute (antinfortunistica e antincendio), e quanto altro utile a ricostruire i fatti e le responsabilità degli indagati. Romani si è riservato 60 giorni. Trenta giorni invece sono stati chiesti da Raffaele Garrisi, super esperto di informatica per l’acquisizione dei dati contenuti nei telefoni cellulari sequestrati ad Alessandro Rossi, Gabriele Maia Michele Muratori, Manuel Cuffaro, e Giorgio Mosca e su 4 computer (tre sono portatili). I familiari delle vittime Samuel Cuffaro ed Elisabetta D’Innocenti hanno nominato come consulente tecnico, il dottor Stefano Rosi iscritto all’albo interregionale dei chimici Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise.