Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio, terremoto: lievi lesioni agli intonaci. Le verifiche dei vigili del fuoco dopo le scosse

  • a
  • a
  • a

Terremoto a Gubbio, dopo la paura le verifiche. I vigili del fuoco comunicano che la squadra di Gubbio, insieme con la prima partenza della centrale sono intervenuti per una decina di verifiche stabilità di abitazioni civili. le quali non hanno evidenziato particolari criticità alle strutture. Lievi lesioni solo agli intonaci, hanno riferito gli stessi vigili del fuoco.

 

 

Per tutta la giornata sono proseguite tutte le verifiche del caso a seguito della scossa di terremoto che ha colpito Gubbio questa mattina, sabato 15 maggio 2021. La scossa, come riferisce l’Ingv, ha avuto una magnitudo di 3.9 (e non di 4 come era stato riferito nei primi minuti successivi all’evento) ed è stata seguita da altre di minore intensità. L’epicentro del sisma è stato individuato nella zona del monte Foce, con ipocentro a 10 chilometri di profondità.

"Tutti i controlli e le verifiche sono in corso - spiega il sindaco Filippo Stirati - ma non ci sono segnalazioni di alcun tipo di criticità. Sin dagli istanti successivi alla scossa mi sono messo subito in contatto con la Protezione Civile e con la Regione, valutando insieme a loro l’evolversi della situazione. Ho riunito anche giunta e ufficio della Protezione Civile, che si sono immediatamente attivati".

 

 

Secondo quanto è stato poi verificato, la scossa di terremoto di magnitudo 4 (poi è stata indicata come 3.9, come accennato) è stata registrata dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia a 2 chilometri a Nord-Est di Gubbio, a una profondità di 10 chilometri. L’episodio sismico si è verificato alle ore 9,56. Poco dopo, alle ore 10.07, è stata registrata un’altra scossa di magnitudo 3.1 a un chilometro sempre a Nord-Est di  Gubbio alla stessa profondità. La terra nell'Eugubino trema dalla serata di ieri. Gli eventi sismici sono stati avvertiti nitidamente dalla popolazione.