Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio, secondo anno senza Festa dei Ceri

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

Sarà il Campanone oggi 15 maggio l’elemento che con la sua voce secolare scandirà tutti gli appuntamenti e unirà i cuori degli eugubini nell’omaggio a Sant’Ubaldo. Per la seconda volta consecutiva, la prima dal 1160, Gubbio vive il 15 maggio senza Festa dei Ceri. Ma è sempre più forte la speranza che il 15-5-22 sarà la data della nascita e tornerà a rimbalzare sui muri di pietra tagliata, conciata, bugnata, centellinata a mano l’urlo della folla: “Via Ch’eccoli”. Il sindaco Stirati, in qualità di responsabile per l’ordine pubblico e la sicurezza della città di Gubbio e per la Festa dei Ceri, a suo tempo ha firmato il decreto dell’annullamento anche della Festa dei Ceri Mezzani il 23 maggio e quella dei Ceri Piccoli il 2 giugno.

 

 

 

Il programma per oggi dunque è fissato in sette punti: si comincia stamattina alle 8,30 con la visita al cimitero. L’omaggio ai ceraioli defunti e la deposizione di una corona d’alloro sarà poi seguita alle 9.15 alla visita al Mausoleo dei Quaranta Martiri per non dimenticare l’eccidio di quaranta vittime innocenti il 22 giugno 1944. Nel pomeriggio alle 16.30 in cattedrale la preghiera dei primi vespri in onore di Sant’Ubaldo. A seguire, intorno alle 17 il vescovo Luciano Paolucci Bedini insieme al cappellano dei Ceri don Mirko Orsini scenderà in Piazza Grande per la benedizione della città con la reliquia del patrono. Anche in questo caso, così come gli altri appuntamenti, la voce del Campanone sarà la Colonna sonora, e alle 19, sempre in Piazza Grande, altro appuntamento con la suonata prima dell’accensione delle luminarie alle 20,30 per le vie del centro storico. La serie degli appuntamenti si concluderà alle 21,30 nella chiesetta di San Francesco della Pace, detta dei Muratori, in via Savelli della Porta con il Triduo.

 

 

 

Domani, 16 maggio, giorno dedicato a Sant’Ubaldo alle 8 suonata del Campanone, alle 11.15 pontificale del vescovo in Cattedrale, alle 12 suonata del Campanone, quindi alle 17 la Messa in Basilica a Sant’Ubaldo. Alle 19 ultima suonata del Campanone e alle 20.30 accensione delle luminarie cittadine.