Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, Michele Volpi: l'artista che in bici porta le fiabe ai bambini

Patrizia Antolini
  • a
  • a
  • a

A Perugia uno spettacolo a domicilio per bambini dai tre ai 16 anni. Un teatro che prende vita nei cortili dei condomini e nei giardini. Una biblioteca a pedali, pardon una Liber Bici piena di storie e personaggi. E una travolgente passione per quello che fa e anche per i bambini. Michele Volpi, attore performer perugino, lo scorso anno ha tagliato definitivamente il cordone ombelicale con un lavoro nella grande distribuzione per seguire, come si dice, la sua passione. Da anni aveva iniziato ad occuparsi della promozione della lettura attraverso programmi di lettura ad alta voce in ambito sociale e sanitario: come coordinatore e lettore del circolo Laav (in reparti di ospedale, rsa per anziani, centri diurni per disabili, unità di convivenza, scuole, biblioteche) e come formatore del programma nazionale Nati per Leggere (lettura condivisa in famiglia per bambini 0-6 anni) e dell’Aps Rinoceronte Teatro di Perugia

Negli ultimi due anni era pure arrivato un progetto con la Regione e l’università di Perugia per promuovere la lettura ad alta voce per insegnanti ed educatori. Ma è il Barbonaggio Teatrale la sua inclinazione: “E’ una modalità di proposta artistica che si ispira all'esperienza dell'attore Ippolito Chiarello, che dal 2009, propone i suoi spettacoli oltre che in teatro, anche per strada o in luoghi non teatrali, su un palchetto, vendendoli a pezzi. Ciascuno spettatore decide, di volta in volta, la scena che vuol vedere (o ri-vedere) e l’offerta che vuole lasciare. Ecco: con la LiberBici, ho aderito al Barbonaggio Teatrale dal settembre del 2017. Perché - spiega Volpi - è un atto d’amore verso il pubblico”. 

E poi arriva il Covid e il teatro su prenotazione nel 2020 diventa l’unica forma per continuare a fare teatro. Il debutto per Michele è a marzo, chiamato ad Acquasparta con la sua libreria a pedali: “E’ stata un’emozione fortissima. E’ stato tutto come un frullatore: eppure mi sono stupito. La comunicazione, i tempi, il rapporto con il piccolo pubblico è stato immediato. Non lo dimenticherò”. Le sue performance a domicilio da allora continuano. Con tanti menù da scegliere, tanti temi, tanti consigli disposti a raccogliere da mamme e papà che lo chiamano ormai da tutta la regione grazie al passaparola e al sua sito Facebook“La promozione della lettura è il primo presidio contro l’abbandono scolastico. Con il delivery l’artista raggiunge il pubblico direttamente in prossimità delle case di chi decide di ordinare uno spettacolo a domicilio. Tutto nel pieno rispetto delle norme anti Covid e senza creare nessun assembramento. Abbiamo tutti una forte necessità di presenza umana, di contatto, di sguardi, di recuperare la sfera della relazione”.