Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, migranti in fuga dal pullman per le strade della periferia. Erano destinati a un centro di accoglienza

  • a
  • a
  • a

Vwentuno migranti in fuga nelle campagne e nella periferia di Terni. Gli extracomunitari, di origini iraniane, afghane e curde, erano a bordo di un pullman. Dopo lo sbarco in Sicilia erano stati destinati ad alcuni centri d'accoglienza in Umbria. Ma non hanno mai raggiunto la loro destinazione e, durante una fermata del bus nei pressi dello svincolo per San Gemini sulla E45, si sono dati alla fuga. Tredici di loro, durante la mattinata di martedì 11 maggio, sono stati rintracciati da polizia e carabinieri nella zona di Gabelletta.

Sorpresa e preoccupazione tra i passanti di fronte ai migranti in fuga per le strade del quartiere e in mezzo alle auto in transito nel popoloso quartiere ternano. Gli stranieri sono stati accompagnati in Questura per l’identificazione per essere poi di nuovo trasferiti in pullman verso le loro destinazioni. Le ricerche degli ultimi fuggitivi sono andate avanti per ore a ritmo serrato da parte degli agenti e dei carabinieri che sono stati inviati sul posto. Al momento non si segnalano particolari problemi e nessuno dei migranti in fuga avrebbe opposto resistenza alle forze dell'ordine. Altri otto migranti sono stati bloccati dalla polfer alla stazione mentre cercavano di prendere il primo treno in transito per il nord Italia. Nessun problema dal punto di vista sanitario visto che non più di due giorni fa erano risultati negativi al tampone anti Covid a Siracusa subito dopo lo sbarco. La ricollocazione è avvenuta senza particolari difficoltà. Ma non si esclude che durante la notte qualcuno di loro possa fuggire di nuovo.

Gli immigrati sono stati sistemati in due strutture d'accoglienza a Nera Montoro di Narni e a Montecastrilli. Non sono stati denunciati trattandosi di immigrati richiedenti asilo. Del caso si sta occupando anche la Prefettura di Terni che ha gestito tutta la fase relativa alla sistemazione dei profughi sul territorio.