Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Denise Pipitone, accertamenti su ragazza di origine rom in Calabria: la nuova pista

  • a
  • a
  • a

La pista è nuova perchèéporta in Calabria, ma il tema è lo stesso: Denise Pipitone potrebbe essere una ragazza di origine rom di 21 anni di Scalea in provincia di Cosenza. A questo mirano gli accertamenti ai quali la ragazza in questione non si è sottratta.

 

 

I carabinieri di Scalea stanno infatti eseguendo dei controlli sulla ragazza che vive nella bella cittadina tirrenica perché, secondo la segnalazione di un cittadino, si tratterebbe di Denise Pipitone, la bambina scomparsa nel settembre del 2004 da Mazara del Vallo e il cui caso si è riacceso da pochi mesi (anche con la ripertura dell'inchiesta) dopo 17 anni di nulla di fatto.  Chi ha segnalato la somiglianza fra la ragazza di origini rom e Denise, secondo quanto si apprende, pare aver riferito anche diverse circostanze che potrebbero fare ipotizzare la verosimiglianza di quanto riferito.

La ragazza non si è sottratta alle verifiche e ha fornito i nomi dei genitori e altre informazioni utili a ricostruire il suo passato. Di tutto è stata informata la Procura della Repubblica di Marsala che dovrà decidere se procedere o meno ad effettuare la comparazione del Dna.

 

 

 "Ci è giunta una segnalazione, oggi pomeriggio, ed abbiamo immediatamente avvertito i carabinieri di Scalea", ha detto al Corriere della Calabria l’avvocato Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio mamma di Denise Pipitone. Le ricerche continuano a tappeto, con gli investigatori pronti a seguire ancora una volta la pista del sequestro operato da una famiglia rom (o a cui la bimba è stata consegnata), ma non solo. La Procura di Marsala ha riaperto il fascicolo e segnalazioni su presunti avvistamenti della bambina si susseguono. L’ultimo in ordine di tempo, è questo della Calabria. A Scalea, i carabinieri stanno quindi approfondendo le indagini su una ragazza che avrebbe dei tratti somatici molto simili alla piccola scomparsa da Mazara del Vallo. "Chi ci ha contattato riconosceva nella ragazza una somiglianza con Denise", ha detto ancora l'avvocato di Piera Maggio.