Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, coltellate in centro storico: giovane ferito alla schiena. Aggressore arrestato per tentato omicidio

Lorenzo Brunetti Foto:  Lorenzo Brunetti

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Scontro a coltellate in centro storico nella tarda serata di domenica 9 maggio. Un giovane - italiano di 37 anni - è stato ferito al volto e alla schiena. Un altro, il presunto aggressore, 35enne peruviano, è stato subito fermato e arrestato dalla polizia. Ora è a Capanne indagato per tentato omicidio. Tracce di sangue sono state repertate tra via Baldo e piazza della Repubblica. A dare l'allarme i ristoratori nei pressi della Feltrinelli. Tutto è avvenuto intorno alle 22. Complice l'alcol, si è innescata una violenta lite a sediate e finita a fil di lama. Sul posto sono intervenuti gli agenti della squadra volante e due ambulanze.

L'accoltellato è stato medicato prima davanti al Pavone e poi in una panchina dei giardini di Piazza Italia. Una ferita importante è stata riscontrata all'altezza della scapola sinistra. Lesioni anche al volto. Sono stati chiamati gli uomini della polizia scientifica, che hanno ricostruito la dinamica della lite anche attraverso le tracce di sangue trovate a terra e sui muri tra via Baldo e via del Forte. Il vigilante Lorenzo Brunetti, intervenuto a più riprese negli anni per sedare e segnalare episodi di degrado e microcriminalità tra Fontivegge e l'acropoli, è arrivato poco dopo lo scontro a coltellate.  "Alla scena hanno assistito i ristoratori e i baristi di piazza della Repubblica", fa sapere Brunetti al Corriere dell'Umbria. 

"Tutto è iniziato sul vicolo di via Baldo. Io sono arrivato intorno alle 23, quando il medico del 118 medicava il ragazzo ferito e la polizia cercava testimoni sulla piazza. Il giovane ferito era pieno di sangue davanti e dietro il corpo. Il sangue arrivava fino alla libreria Feltrinelli" ha spiegato l'addetto alla sicurezza. Dopo essere stato medicato, il ferito è stato portato in ambulanza al pronto soccorso per ulteriori accertamenti. Gli inquirenti oltre a ricostruire la dinamica per arrivare a una denuncia stanno verificando anche il rispetto delle normative anti covid e le relative eventuale sanzioni da comminare ai soggetti convolti nello scontro a coltellate.